24 Novembre 2020
News

Muravera. Truffe online. Versa l'anticipo per l'acquisto di una play Station ma il venditore sparisce dopo aver incassato i soldi

26-10-2020 10:08 - CRONACA REGIONALE
Vi sono tanti che, alla ricerca del grande affare, ricercando pazientemente occasioni imperdibili, s’imbattono in una delle numerose trappole truffaldine che vengono abilmente tese da soggetti che operano sul web.

Così un 21enne di Muravera ha concluso qualche settimana fa un acquisto su una nota piattaforma di vendite telematiche, di quelle che si limitano a mettere in contatto un venditore ed un acquirente, avendo rintracciato a prezzi molto convenienti una play station di ultima generazione con accessori, che altrimenti gli sarebbe venuta a costare molto di più.

Attratto da tale fortunata circostanza, per non perdere l’occasione, l’ignaro compratore ha contattato l’autore dell’inserzione che, per bloccare l’affare, gli ha chiesto un anticipo di 150 euro da versare mediante una ricarica su una carta Postepay.

Effettuato tale pagamento, l’attraente inserzione e l’autore della stessa sono spariti nel mare indistinto del web e, a quell’utenza cellulare il truffato non ha rintracciato più nessuno.

Avendo compreso di essere stato crudelmente beffeggiato, egli si è rivolto a questo punto ai Carabinieri di Castiadas, ai quali ha presentato una dettagliata denuncia/querela.

I Militari non hanno preso sottogamba la questione e hanno anzi avviato delle indagini, sperando di poter venire a capo di qualcosa.

Si trattava di vedere se il truffatore avesse lasciato qualche traccia lungo il percorso, come spesso accade.

Con l’ausilio delle Poste Italiane, andando a verificare qualche passaggio necessario, sono risaliti così al vero titolare della carta ricaricata, che non è un cittadino straniero, come era apparso a prima vista, ma una 51enne di Cassino, nota alle cronache per precedenti situazioni analoghe.

Stabilito che a ricevere i soldi era stata lei, i Militari si sono dedicati a ricostruire chi fosse stato il reale utilizzatore dell’utenza cellulare dalla quale il raggiro era stato congegnato.

Con un po’ di fatica i Militari identificavano ancora lei.

La donna è stata pertanto denunciata per truffa aggravata alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari.

Naturalmente i soldi su quella carta ci sono rimasti solo per poche ore, quanto necessario per portarli via assieme ad altri, provenienti da ulteriori persone raggirate. Quella play station era piaciuta a tanti.



Fonte: Redazione Cagliari Live





DIVENTA FAN DI CAGLIARI LIVE
[BANNER CHRAME MENU BUSINESS ]
Cagliari Live di Garau Salvatore . - Loc. Case Sparse San Sperate - Cagliari
Tel. 3477722578 -
Testata Giornalistica iscritta al Tribunale di Cagliari con n° 8/2019
Direttore Responsabile Graziella Marchi
P. Iva 03859880928
infocagliarilive@gmail.com - infocagliarilive@pec.it

invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy e Cookies
Privacy Policy
Cookie Policy
torna indietro leggi Informativa Privacy e Cookies  obbligatorio