18 Settembre 2021
person
area privata
visibility
News
percorso: Home > News > CRONACA ITALIANA

Aurelia Passaseo (C.I.A.T.D.M.): Appello per un rientro a scuola nella normalità.

25-06-2020 17:36 - CRONACA ITALIANA
Il Coordinamento Internazionale Associazioni per la Tutela dei Diritti dei Minori (C.I.A.T.D.M.) si mobilita in vista della riapertura delle scuole.

“Abbiamo, tra le altre iniziative, inviato un appello al Presidente Giuseppe Conte, al Ministro Azzolina e al Ministro Speranza, in cui chiediamo che tutte le limitazioni previste siano temporanee e che si torni alla normalità per gli studenti, affinché si ritorni alle funzioni educative e di socializzazione della scuola” - Afferma la presidente C.I.A.T.D.M. Aurelia Passaseo.
“Ringrazio-continua la presidente Passaseo- tutti coloro che sostengono il nostro appello, associazioni, comitati, gruppi di professionisti (medici, avvocati, giuristi, psicologi, insegnanti, giornalisti)”.

APPELLO
È sempre più̀ vivo il fermento di associazioni, comitati, gruppi di professionisti (medici, avvocati, giuristi, psicologi, insegnanti, giornalisti), pronti a manifestare il proprio ragionato dissenso verso l'applicazione di un regime dissennato di controllo e condizionamento sociale sulla popolazione, e in particolare sulle giovani generazioni. Grazie a tante voci autorevoli e alla attività̀ di settori specialistici, l'opinione pubblica è sempre più̀ informata e sensibilizzata, sempre meno asservita alla propaganda mediatica che tenta di imporre il mono pensiero obbligatorio e, attraverso il ricatto della paura, isolamento e comportamenti conformi.

Alla luce di tutto quanto sopra esposto, chiediamo:

- che tutte le limitazioni al pieno esercizio del fondamentale diritto all'istruzione siano
ritenute temporanee e provvisorie dagli organismi tecnici e dalle istituzioni politiche;
- che sia profuso ogni sforzo per garantire al più̀ presto un ritorno alla normalità̀ della vita
scolastica, onde evitare che si perpetuino inutilmente le gravi distorsioni dettate dalla emergenza; - che non venga agitato lo spauracchio del contagio al fine di giustificare la trasformazione
radicale del modello di scuola;
- che l'ipertrofia tecnologica e digitale restituisca il posto a un'integrale formazione umana
e culturale degli scolari;
- che non sia proprio l'istituzione scolastica, fattasi propulsore della navigazione in rete, ad
esporre i minori ai plurimi rischi ad essa legati e ad alimentare il fenomeno già̀ tristemente diffuso della dipendenza dal mezzo digitale;
- che sia tempestivamente implementato il sistema di navigazione differenziata promosso dal CIATDM e già̀ fatto oggetto del ddl n. 1329, 6 giugno 2019 (a firma Calderoli); e del pdl n. 1537, 24 gennaio 2019 (a firma Tateo) assegnato alla Commissione Giustizia;
- che non venga esercitata una arbitraria sorveglianza sanitaria sugli scolari e sulle loro famiglie;
- che sia revocata per tempo qualsiasi imposizione di presidi sanitari o pseudo tali (in particolare mascherine, braccialetti elettronici, barriere fisiche e ogni altra misura non giustificata rispetto al rischio evidenziato in età̀ scolare) per la popolazione scolastica;
- che sia inibito ogni intervento abusivo ai danni dei minori che accusino sintomi di qualsiasi tipo all'interno dei locali scolastici e che, in ogni caso, sia sempre garantito in primis l'immediato avviso e intervento della famiglia;
- che nessun trattamento sanitario possa essere imposto come condizione per la frequenza della scuola di ogni ordine e grado.
Invitiamo infine le famiglie degli scolari:
- a vigilare affinché́ il perpetuarsi dello stato di emergenza non abbia a divenire presupposto
di interventi arbitrari e abusivi a danno proprio e dei propri figli da parte della istituzione scolastica o delle strutture sanitarie, ad oggi investite di un pericoloso quanto abnorme potere discrezionale nella gestione della sicurezza a scuola;
- ad opporsi con forza alla sostituzione della macchina al rapporto umano, dello schermo al libro, della tastiera alla penna;
- a reagire in ogni modo al tentativo di imporre l'isolamento fisico, la sterilizzazione sociale e l'annientamento culturale alle nuove generazioni.




Fonte: mariangela Campus
Nickname




Documenti allegati
Dimensione: 428,63 KB
[offerte di lavoro a Cagliari]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy e Cookies
Privacy Policy
Cookie Policy
torna indietro leggi Informativa Privacy e Cookies  obbligatorio