29 Settembre 2021
person
area privata
visibility
News

Aziende italiane: bastano le misure del Governo?

21-04-2020 22:44 - Società e Costume
Le aziende italiane dopo due mesi chiusura forzata, si trovano sull'orlo del baratro. Tante bollette da pagare, affitti e vari impegni da assolvere. Tutto con due mesi di incassi inesistenti. Come si può risolvere una situazione simile? Il Governo ha proposto la misura prevista dal Cura Italia, che eroga alle partite iva in bonus di 600 euro. Secondo i diretti interessati e non solo, una goccia di acqua nel deserto, quasi una "provocazione". Il Governo probabilmente, resosi conto dell'inadeguatezza della misura, hanno messo in campo un altro provvedimento. Le aziende potranno chiedere un prestito di 25000 euro, da restituire in sei anni ad un tasso di circa il 2%. È questa la soluzione? Le aziende hanno realmente necessità di un ennesimo prestito, visto che sono già molto indebitate? La risposta forse sta già all'interno di queste domande, anche perché dalle primissime impressioni pare che il sistema alquanto farraginoso, metterebbe nelle tasche una cifra inferiore a quella prevista, a causa di una serie di situazioni pregresse che potrebbero non "liberare" l'intera somma prevista dal provvedimento. Insomma si rischia l'ennesima fregatura per le povere aziende italiane, tanto che secondo le previsioni degli esperti di economia, circa 50000 sarebbero a rischio chiusura.

Fonte: Marco Tavolacci
Nickname




[offerte di lavoro a Cagliari]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy e Cookies
Privacy Policy
Cookie Policy
torna indietro leggi Informativa Privacy e Cookies  obbligatorio

close
Utilizziamo i cookies
Questo sito utilizza cookie propri al fine di migliorare il funzionamento e monitorare le prestazioni del sito web e/o cookie derivati da strumenti esterni che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le tue preferenze, come dettagliato nella Cookie Policy. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. Cliccando sul pulsante ACCONSENTO, acconsenti all'uso dei cookie. Ignorando questo banner e navigando il sito acconsenti all'uso dei cookie.
Cookie Policy - Privacy Policy
Accetta i cookies necessari