21 Gennaio 2021
News
percorso: Home > News > Cronaca estera

Coronavirus Anche i Testimoni di Geova si adeguano a nuove disposizioni anti contagio.

10-03-2020 11:46 - Cronaca estera
L'emergenza coronavirus sta radicalmente cambiando i ritmi e le abitudini non solo in Italia ma in quasi tutti paesi del mondo.

Perfino un'organizzazione mondiale come quella dei Testimoni di Geova, religione presente in oltre 230 Nazioni, ha dovuto fare i conti con questa emergenza e modificare alcune fondamentali attività come quelle di radunarsi per le regolari “ Adunanze” nelle Sale del Regno o quelle di Predicazione.

Come riporta il sito della Sede Mondiale JW.ORG: “La sede mondiale dei Testimoni di Geova sta monitorando attentamente la situazione riguardante la diffusione della nuova malattia da coronavirus (COVID-19). Dalle profezie bibliche sappiamo che le epidemie sarebbero state un tratto distintivo degli ultimi giorni (Luca 21:11). In caso di epidemia è saggio adottare misure precauzionali per proteggere sé stessi e gli altri (Proverbi 22:3)” .

Sul sito si legge ancora: “Alcuni si chiedono come stanno i fratelli nelle zone interessate. L'epidemia da COVID-19 ha avuto un notevole impatto sulle filiali e sulle congregazioni di Corea del Sud, Giappone, Italia e altri paesi. In alcuni casi la filiale ha dovuto sospendere le visite guidate e limitare l'ingresso di persone esterne. In altri casi il governo ha imposto limiti a grandi manifestazioni ed eventi pubblici, e questo ha reso necessario che la filiale cancellasse alcune assemblee di circoscrizione. Inoltre, in alcune zone le congregazioni hanno dovuto modificare le disposizioni relative al ministero e alle adunanze. Nonostante tutto questo, i nostri fratelli non smettono di edificare la propria fede e di incoraggiarsi a vicenda (Giuda 20, 21)”.

Così, dopo aver ricordato agli adepti la corretta osservanza delle norme igieniche e sanitarie previste anche dai decreti ministeriali, la Sede Organizzativa informa che: < Nelle aree colpite da un'epidemia potrebbe essere necessario che la Filiale sospenda temporaneamente adunanze, assemblee o altri eventi teocratici. È quello che è successo in alcune delle zone più colpite dal coronavirus, come certe regioni di Corea del Sud, Giappone e Italia. A seconda delle circostanze locali, gli anziani potrebbero essere in grado di fornire l'accesso ad adunanze registrate, che i proclamatori possono guardare in casa. I proclamatori potrebbero partecipare al ministero facendo telefonate o scrivendo messaggi, email o lettere>.

Quindi anche in Italia, temporaneamente e fino a nuove disposizioni, stop alle adunanze nelle locali Sale del Regno.

Queste potranno essere “ seguite” da casa via internet tramite JW STREAM , oppure ciascuno potrà esaminare da casa propria il materiale in programma per la settimana disponibile sul sito ufficiale dei Testimoni di Geova o in forma cartacea su libri e riviste.

Si potrà invece continuare l'opera di predicazione adottando le opportune precauzioni sanitarie imposte dal decreto oppure si dovranno usare altre forme alternative al porta a porta come i contatti tramite telefono o l'invio di lettere.

Come rassicurano i vertici della Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova, adottare queste misure “ non sminuisce l'importanza delle attività spirituali, significa piuttosto sforzarsi do continuare a svolgerle con 'la prudenza dell'accorto quando vede il pericolo' ”.

Come conclude il comunicato ufficiale riportato sul sito JW:ORG “ Mostra amore agli altri. Tutti riconosciamo l'importanza di frequentare le adunanze e partecipare al ministero pubblico, ma se sei malato è meglio che tu rimanga a casa per evitare di infettare altri. Questa è una dimostrazione di amore fraterno e una protezione sia per i fratelli che per le altre persone ( Vangelo di Matteo 22:39 )”.



Fonte: Redazione Cagliari Live





Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy e Cookies
Privacy Policy
Cookie Policy
torna indietro leggi Informativa Privacy e Cookies  obbligatorio