18 Settembre 2020
News
percorso: Home > News > Cronaca

Coronavirus in Italia tutto a posto ma aumentano divieti e paesi in isolamento, scende in campo anche Esercito ed Aeronautica Militare

24-02-2020 10:25 - Cronaca
Italia terzo paese al mondo per numero di contagi dopo Cina e Corea del Sud.
Nel giro di 24 ore sono raddoppiati i casi di contagio.

Siamo ormai a 153 persone contagiate e tre decedute.
La Lombardia è la regione più colpita, con 112 contagiati.

E’ stato ricoverato all’ Ospedale Sacco anche un dermatologo dello stesso policlinico che dopo aver manifestato sintomi di febbre e tosse è risultato positivo al test del coronavirus, accertamenti anche sui colleghi del suo stesso reparto.

A Milano chiuse per tutta la settimana scuole e università, presi d’assalto negozi di generi alimentari e farmacie.

Chiusi anche il Duomo, La Scala, il Teatro Parenti, la Pinacoteca di Brera, chiusura alle 18 anche per Pub e Bar, aperti solo Ristoranti e negozi di alimentari.

I comuni interessati dal contagio, quelle definiti “zona rossa” sono completamente blindati, in quei paesi vietato entrare ed uscire, tutti i varchi sono presidiati dai militari.
In tutta la Lombardia Stop alle messe e per i funerali accesso consentito solo ai parenti più stretti del defunto.

In Veneto sono state adottate misure simili, Blindato Vò Euganeo, il paese dove c’è stato il primo decesso per coronavirus, chiuse scuole e stop a tutte le manifestazioni , chiusi cinema e luoghi pubblici come la basilica di San Marco a Venezia e la Basilica del Santo a Padova , Fermi i tribunali, è terminato con due giorni di anticipo il carnevale di Venezia.

Anche in Veneto sono ormai introvabili le mascherine e i gel disinfettanti.

Sempre in Veneto stato istituito anche un numero verde al quale rivolgersi, 800462340 da usare al posto del 118 e sempre prima di recarsi ai presidi di pronto soccorso.

Il presidente del Consiglio Conte intervistato ieri da barbara d’Urso nel programma Non è La D’Urso ha detto che siamo di fronte ad una emergenza nazionale ed ha ammesso che c’è stata qualche “ falla” nei primi giorni dell’emergenza, ma ha comunque ribadito che il nostro governo ha adottato delle misure straordinarie e dei controlli accurati che invece non sono stati adottati in altri paesi europei.

L’Austria ieri ha bloccato alla Frontiera un treno Eurocity con trecento persone a bordo proveniente da Venezia e diretto a Monaco di Baviera dopo che erano stati segnalati due casi sospetti.

Anche paesi come Svizzera e Francia vorrebbero adottare misure restrittive per chi arriva dall’Italia, mentre la Romania ha disposto la quarantena per tutti gli italiani in arrivo dalla Lombardia e dal Veneto o per chi vi abbia soggiornato negli ultimi 15 giorni.

Anche Israele sta valutando la possibilità di vietare l’ingresso nel paese di cittadini provenienti dall’Italia.

In italia si pensa già ad utilizzare le strutture Militari e Private per fronteggiare un eventuale emergenza sanitaria.

Quindi caserme e alberghi potrebbero essere requisiti ed utilizzati per mettere in quarantena le persone sospettate di contagio.

E’ già stato fatto un censimento di centinaia camere e posti letto che potrebbero essere utilizzati in caso di emergenza.

L’esercito ha messo a disposizione 3400 mentre sono 1700 quelli messi a disposizione dall’Aereonautica e dove non ci sono strutture militari saranno utilizzati alberghi già individuati dalle Regioni.

A Milano è pronto l’Ospedale militare di Baggio, mentre a Piacenza sono pronti gli alloggi della base militare di San Polo e così in altri luoghi.
In Lombardia è già stata inviata una Task Force di 500 uomini dell’Esercito per controllare i varchi che delimitano zone isolate.

Misure straordinarie anche sul fronte dell’Economia de del lavoro.

L’emergenza coronavirus è trattata al pari di altre calamità naturali e quindi saranno adottate gli stessi interventi di sostegno economico che si applicano in caso di alluvioni o terremoti.

Potrebbero quindi essere sospesi i pagamenti di mutui, tasse, cartelle esattoriali e bollette di elettricità, per le piccole e medie imprese un accesso semplificato ai fondi di garanzia, esteso pure il provvedimento della cassa integrazione in deroga per le imprese con un numero minore di 16 dipendenti.



Fonte: Redazione Cagliari Live





DIVENTA FAN DI CAGLIARI LIVE

Segui tutte le nostre notizie mettendo Like alla nostra Pagina
Cagliari Live di Garau Salvatore . - Loc. Case Sparse San Sperate - Cagliari
Tel. 3477722578 -
Testata Giornalistica iscritta al Tribunale di Cagliari con n° 8/2019
Direttore Responsabile Graziella Marchi
P. Iva 03859880928
infocagliarilive@gmail.com - infocagliarilive@pec.it

Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy e Cookies
Privacy Policy
Cookie Policy
torna indietro leggi Informativa Privacy e Cookies  obbligatorio