23 Novembre 2020
News

Diabete nuove speranze per i pazienti.

05-01-2020 17:37 - Società e Costume
L'aumento nel sangue dei livelli di glucosio provoca il diabete a causa di un deficit dell'insulina, l'ormone che controlla la glicemia nel sangue e che viene prodotto dal pancreas.
Esiste una predisposizione familiare, soprattutto in caso di diabete tipo 2, per cui chi ha un diabetico fra i parenti di primo grado (genitori, fratelli) rischia di ammalarsi, il diabete non è contagioso.

È una malattia complessa e può presentarsi sotto varie forme: diabete tipo 1 (detto anche insulino-dipendente), diabete tipo 2 (detto anche non-insulino-dipendente), diabete gestazionale, diabete monogenico (es. MODY, maturity-onset diabetes of the young), diabete secondario ad altra patologia (es. malattia del pancreas) o farmaci (es cortisone).

I sintomi più comuni che possono far supporre l'inizio della malattia possono essere sete intensa (polidipsia), necessità di urinare spesso con urine abbondanti (poliuria), stanchezza (astenia).

Nel diabete tipo 1 vi è spesso perdita di peso e l'inizio della malattia può essere brusco con notevole malessere, sonnolenza e odore di acetone nell'alito.

Nel diabete tipo 2 spesso la diagnosi viene fatta in una persona che sta sostanzialmente bene in occasione di esami di laboratorio. Diabete tipo 1 e diabete tipo 2 le più comuni sono completamente diverse.

Il diabete tipo 1 è di origine autoimmune e avviene quando c'è una distruzione delle cellule del pancreas che producono insulina.
Gli anticorpi del sistema immunitario distruggono le cellule del pancreas.
Per la cura del diabete tipo 1 è indispensabile l'integrazione di insulina tramite iniezioni giornaliere.

Il diabete tipo 2 si presenta a causa di carenza di produzione di insulina che però non è grave come quello nel diabete tipo 1 e non è autoimmune.

Le cause del diabete tipo 2 possono dipendere da vari fattori; terapie cortisoniche, cattive abitudini alimentari, obesità, poca attività fisica, insulino resistenza. Il diabete gestazionale compare durante la gravidanza e solitamente scompare dopo il parto.

Il diabete monogenico è causato da un difetto genetico singolo capace di determinare iperglicemia, si trasmette da una generazione all'altra (un nonno, un genitore e un figlio) un esempio è il rarissimo diabete neonatale.

Nel diabete secondario e nel diabete da farmaci, altre malattie o farmaci provocano alterazioni dell'insulina, tipo le pancreatiti croniche, la cirrosi epatica, l'insufficienza renale cronica, l'acromegalia, la sindrome di Cushing.

In Italia circa 3 milioni di persone hanno avuto una diagnosi di diabete e accanto a questi si stima che un altro milione e mezzo abbia la malattia senza saperlo.

Nel 2018 sul numero del 4 Gennaio della rivista Cell, ricercatori della University of Pittsburgh School of Medicine sono riusciti a far funzionare di nuovo e a far sopravvivere le cellule beta del pancreas, quelle che producono l'insulina, e quindi a far tornare normale il livello di glucosio nel sangue nei ratti con diabete di tipo 1, grazie ad una terapia genica.

È notizia recente una ricerca effettuata da un professore sardo, Bastiano Sanna 44 anni di Nuoro, che ha presentato il suo lavoro all'Università di Sassari.

Il professor Sanna sostiene che la ricerca porterà nel giro di 3-5 anni ad abbandonare le terapie tradizionali per il diabete di tipo 1 cosi da liberare dalla schiavitù i pazienti affetti da questa patologia.

Importante la collaborazione del professor Sanna con lo scienziato Doug Melton per la creazione di un microchip contenente cellule Beta che producono insulina, un microchip grande come una moneta in grado di produrre in modo autonomo insulina. La sperimentazione dovrebbe iniziare nel Gennaio 2020.

Se risultasse positiva sull'uomo sarebbe veramente epocale e renderebbe meno stressante la vita dei diabetici, ne conosco tanti che vivono sotto costante stress tra misurazioni di glicemia, iniezioni, ipoglicemie spesso pericolose che possono portare al coma.






Fonte: Mariangela Campus





DIVENTA FAN DI CAGLIARI LIVE
[BANNER CHRAME MENU BUSINESS ]
Cagliari Live di Garau Salvatore . - Loc. Case Sparse San Sperate - Cagliari
Tel. 3477722578 -
Testata Giornalistica iscritta al Tribunale di Cagliari con n° 8/2019
Direttore Responsabile Graziella Marchi
P. Iva 03859880928
infocagliarilive@gmail.com - infocagliarilive@pec.it

invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy e Cookies
Privacy Policy
Cookie Policy
torna indietro leggi Informativa Privacy e Cookies  obbligatorio