31 Maggio 2020
News

Due chiacchiere con Maria Cristina Moglia, attrice.

19-04-2020 19:10 - TV SPETTACOLO & GOSSIP
Maria Cristina Moglia è una delle attrici più preparate e con una notevole capacità interpretativa nel panorama televisivo e cinematografico italiano e non solo. Figlia e nipote d'arte cresce nell'ambiente della fotografia e della scenografia, il nonno è il direttore della fotografia Renato Del Frate, lo zio è Carlo Simi.

Dopo un inizio come fotografa si dedica completamente alla recitazione, tra i suoi più grandi successi le sue interpretazioni nei film “Ferrari”, “il mio west”, “radio freccia” e l'ultimo film con Antonio Banderas “black butterfly”. In televisione rimangono scolpiti nella memoria i suoi ruoli in “un posto al sole”, “cento vetrine”, “distretto di polizia 2”, “la stagione dei delitti” e ora in onda nella fiction “il paradiso del signore”. Prima dell'inizio della quarantena stava girando set l'ultimo film di Carlo Carlei “La fuggitiva”, le cui riprese riprenderanno ad emergenza covid-19 terminata.

Ha da poco vinto un premio al Menotti Art Festival di Spoleto con il docu-film da lei girato sulla situazione delle favelas in Argentina.

D: Cristina quando è nata in te la passione per la recitazione?
R: È una passione che è sfociata quando avevo 18 anni e mi trovavo in Australia, provengo da una famiglia di artisti nel campo audiovisivo e fotografico, mi ero appassionata a questo mondo anche perché essendo molto timida mi sentivo a mio agio dietro l'obiettivo. Sono sempre stata molto indipendente e verso i 18 anni mi sono trasferita in Australia come esperienza di vita.
Ricordo che la recitazione mi interessava ma il destino ha voluto che un giorno presi un taxi e parlando col tassista mi disse che lui in realtà era un attore e che faceva il tassista per mantenersi, mi parlò di una scuola di recitazione che dava l'opportunità di scegliere gli orari delle lezioni in base agli impegni lavorativi. Quando arrivai a destinazione mi scrisse in un foglietto il nome della scuola. Da li è partito tutto, dopo le prime lezioni e interpretando un monologo su Giovanna D'Arco ho capito che era la mia passione, la mia anima, la mia vita. Ho frequentato per due anni l'Actors Studio Center a Sydney e il Lee Strasberg's Institute di Los Angeles.

D: Quando hai avuto le prime parti?
R: Tornata a Roma. Lavoravo per mantenermi, studiavo e facevo provini. Feci un provino per un posto al sole e ironia della sorte il progetto era un format australiano, fu un provino molto intenso dovevo piangere per un'ora. Dopo una settimana, mi chiamarono, avevo ottenuto la parte e mi trasferii a Napoli.
Da li sono seguiti tanti altri ruoli e tanti lavori che mi hanno dato grande soddisfazione.

D: Nei tuoi ruoli dimostri una grande potenza interpretativa, ruoli sofferti e intensi nei quali ti immergi totalmente.
R: Sono i miei preferiti, la mia empatia mi porta ad essere vicina alla sofferenza delle donne, amo i ruoli forti di donne che reagiscono con forza e coraggio alle avversità della vita.

D: Sei un'artista poliedrica, la pittura è un'altra delle tue passioni.
R: La pittura è un mio momento intimo e spirituale, utilizzo una tecnica che ho inventato lo scrostamento, applico la pittura e il gesso poi tolgo con la spatola in base alle mie sensazioni e appaiono delle figure.

D: So che sei sempre molto impegnata nel sociale, attraverso la tua arte dai voce a diverse campagne sociali, parlaci dell'ultima tua interpretazione in occasione della giornata contro la violenza sulle donne.
R: Si, presso il Museo Civico Mastroianni ho interpretato “IL SILENZIO” scritto e diretto da Alessandro Silvestri, Bianca la protagonista è una donna, un essere umano vittima di stereotipi, di violenze, del silenzio. Un'opera che amo tantissimo.

D: Lo scrittore Alessandro Silvestri ha scritto “IL SILENZIO” appositamente per te.
R: Si, Alessandro Silvestri ha scritto appositamente per me “Il silenzio”, infatti oltre a condividere le nostre vite a livello personale ci unisce l'impegno sociale. Con l'unione delle nostre capacità artistiche, io con la recitazione e lui con la scrittura, riusciamo a creare un connubio molto forte e intenso che utilizziamo per le campagne socialmente utili.

D: In questo periodo di quarantena dove tutti siamo costretti all'isolamento so che tu stai continuando a lavorare ai tuoi progetti, vuoi dare un messaggio a chi ci legge?

R: Continuo a lavorare online nell'insegnamento della recitazione con attori che puntano al panorama internazionale e li preparo a recitare in lingua inglese essendo bilingue in attesa che ripartano tutti i progetti sospesi a causa della pandemia e proseguo con l'organizzazione del secondo documentario sulle favelas in Argentina. Il messaggio che voglio condividere è lo stesso che do a me stessa da sempre, teniamo duro, non smettiamo di sognare e di lottare per ottenere ciò che vogliamo veramente.












Fonte: Mariangela Campus



Informativa Privacy e Cookies
Privacy Policy
Cookie Policy
torna indietro leggi Informativa Privacy e Cookies  obbligatorio



[Immagine con link acquisti su Ebay]
Fai Acquisti con Ebay

DIVENTA FAN DI CAGLIARI LIVE

Segui tutte le nostre notizie mettendo Like alla nostra Pagina
Cagliari Live di Garau Salvatore . - Loc. Case Sparse San Sperate - Cagliari
Tel. 3477722578 -
Testata Giornalistica iscritta al Tribunale di Cagliari con n° 8/2019
P. Iva 03859880928
infocagliarilive@gmail.com - infocagliarilive@pec.it

Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy e Cookies
Privacy Policy
Cookie Policy
torna indietro leggi Informativa Privacy e Cookies  obbligatorio

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account