26 Novembre 2020
News
starstarstarstarstar(1)

Due chiacchiere con la Dott.ssa Anna Cau, Procuratore della Repubblica Tribunale dei minori di Cagliari.

05-05-2020 12:51 - CRONACA REGIONALE
Ho avuto il piacere di intervistare il Procuratore della Repubblica del Tribunale dei minori di Cagliari la dott.ssa Anna Cau.
La dott.ssa Cau è entrata in magistratura nel 1984 è stata Pretore a Sanluri, P.M. della Procura circondariale di Cagliari, giudice penale e civile nel Tribunale del capoluogo. Dal 2004 Sostituto procuratore dei minori fino a raggiungere il vertice della Procura presso il Tribunale dei minori di Cagliari. Vanta due quadrienni alla guida dell'Associazione Nazionale Magistrati.

Scrivendo e occupandomi di minori ho sempre sentito parlare molto bene della Procura dei minori di Cagliari e in modo particolare della Dott.ssa Cau sia per la sua professionalità che per le sue doti umane sempre a favore dei minori.
Le mie aspettative sono state confermate, infatti durante la nostra lunga intervista, la ringrazio per avermi concesso del tempo nonostante i suoi innumerevoli impegni, il suo punto centrale sono sempre stati i minori e la loro tutela, nessun riferimento egocentrico nonostante il suo importantissimo ruolo.

Abbiamo toccato più argomenti, e penso che traspaia che la Procura è assolutamente dalla parte dei minori e dei genitori in difficoltà, in questo momento storico dove si tende a demonizzare generalizzando chiunque sia collegato alla tutela dei minori è importante che si sappia che esiste una parte sana e coscienziosa che fa bene il proprio lavoro.


D: Procuratore come funziona la Procura? In tanti non conoscono come è organizzata.
R: Nella Procura Minorile i magistrati svolgono la funzione di pubblici ministeri. In procura, a differenza del Tribunale per i Minorenni, i magistrati sono solo togati, non c'è il magistrato onorario. A Cagliari siamo tre, il Procuratore e due sostituti.
La procura svolge le indagini per poi agire, se sussistono i presupposti di legge, davanti al Tribunale per i minorenni. Ciò avviene sia per i fatti che hanno rilevanza penale, commessi da persone che ancora non hanno compiuto i 18 anni, sia per i fatti aventi rilevanza civile, ossia le situazioni di pregiudizio nel percorso di crescita dei minori derivanti da inadeguatezze genitoriali oppure da comportamenti disfunzionali dello stesso minore (per esempio uso stupefacenti, alcool, assoluto disimpegno). Le indagini vengono eseguite dalla sezione di polizia giudiziaria della Procura o dalla polizia giudiziaria del territorio – Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Locale). Le indagini relative alla situazione personale e familiare del minore sono svolte dai Servizi Sociali, anche con la collaborazione dei Servizi Socio Sanitari.
Una volta concluse le indagini si decide se avviare i procedimenti penali e/o civili.
La Magistratura Minorile, composta dai 2 organi, Procura e Tribunale per i Minorenni, svolge le seguenti funzioni:
CIVILE: si occupa della responsabilità genitoriale, cioè dei genitori del minore, con interventi che possono essere limitativi, ablativi e nei casi più gravi, quando si configura una condizione di abbandono non temporaneo de minore, con dichiarazione di adottabilità.
PENALE: si occupa dei reati commessi da persone che non hanno ancora compiuto i 18 anni. L'azione penale non può essere esercitata per i minori che hanno commesso il reato quando ancora non avevano compiuto i 14 anni.
AMMINISTRATIVA: riguarda gli interventi educativi nei confronti del minore i cui comportamenti disfunzionali richiedono l'intervento dello Stato a supporto dei genitori.

D: Lei come ha organizzato questa fase preliminare delle indagini?
R: Nella Procura di Cagliari, grazie ad un accordo con altri enti Pubblici, attualmente la Regione, la Città Metropolitana di Cagliari, il Comune di Cagliari, il Centro di Giustizia Minorile e la ATS, sono presenti esperti nelle materie sociali che garantiscono rapidità ed efficienza nella presa in carico delle situazioni personali e familiari di pregiudizio. Perché il primo obiettivo della Giustizia Minorile, e quindi della Procura, è quello di intervenire in aiuto del minore, e di garantire innanzitutto che questo aiuto possa essere dato all'interno della famiglia d'origine e con il consenso degli interessati.
Il principio cardine è l'interesse del minore e il diritto a crescere in modo armonioso, con l'acquisizione degli strumenti necessari per essere un cittadino responsabile è considerato preminente.
Il diritto della persona minore di età di crescere in modo sano ed equilibrato deve essere garantito innanzitutto dai genitori e poi dallo Stato.

D: So, anche dagli addetti ai lavori che gravitano intorno alla Procura, che lei pone molta attenzione proprio sull'obiettivo di fornire ai minori la possibilità di una crescita bilanciata.
R: Questo è il mio dovere, il mio lavoro è incentrato sulla tutela minorile. Il continuo tentativo è quello di verificare la concreta fattibilità di agire per il superamento della situazione di pregiudizio operando all'interno della famiglia e con il consenso dei genitori. I genitori sono liberi nella loro azione, sono liberi di decidere cosa fare per i propri figli, ma questa libertà ha un limite, rappresentato dal diritto del figlio ad essere curato adeguatamente, ad essere istruito, ad essere educato. Se questo limite non è rispettato, allora lo Stato deve intervenire. L'intervento doveroso dello Stato è però assolutamente graduale, con la continua valutazione dell'esistenza del consenso dei genitori ad operare per il superamento della situazione di pregiudizio. In questa attività di verifica il mio Ufficio profonde massimo impegno, con la piena collaborazione dei Servizi operanti nel territorio e grazie alla preziosa presenza dell'Ufficio Interventi Civili (cosi abbiamo chiamato il servizio che rendono gli operatori prestati alla Procura dagli enti Pubblici di cui ho prima parlato).
La Procura agisce davanti al Tribunale per i minorenni solo in assenza di collaborazione dei genitori o in presenza di situazioni di grave pregiudizio per le quali le risorse familiari siano definitivamente assenti.

D: Bene, vorrei approfondire questo perché ci sono dei casi in cui è necessario intervenire con allontanamenti del minore dalla famiglia.
R: Gli allontanamenti si fanno quando è necessario garantire la protezione del minore, o nei casi in cui il percorso di aiuto richieda un contesto diverso da quello familiare.
Faccio un esempio: in una famiglia ove vi siano genitori tossicodipendenti che necessitano di cure e di recupero, è necessario proteggere il minore nel tempo necessario per il recupero delle competenze genitoriali. Ovviamente sul tempo dell'affidamento un ruolo determinante lo hanno i genitori, la loro capacità di superare le loro fragilità. L'allontanamento del minore dalla sua famiglia, con affidamento ad altra famiglia o inserimento in comunità, impone il massimo sforzo sia allo Stato per l'aiuto alla famiglia, sia ai genitori per il recupero delle loro competenze genitoriali.
Tornando all'esempio, il tempo dell'allontanamento deve essere valutato sulla base degli interventi che si reputano funzionali per il superamento della situazione patologica. Il diritto del minore e del genitore al rientro in famiglia è evidentemente condizionato al superamento della situazione di pregiudizio. Solitamente il minore è affidato temporaneamente ad altri famigliari, ove non fosse possibile a delle famiglie affidatarie -che nel nostro territorio sono però molto poche-, solo in ultima analisi lo si affida ad altre strutture come case-famiglia.
L'affidamento extrafamiliare non può avere per legge una durata superiore a due anni (salvo giustificate proroghe per persistenza della situazione di pregiudizio). Deve essere continuamente monitorato dall'Autorità Giudiziaria.


D: Spesso capita che genitori che si trovano in un momento di difficoltà non accettino l'allontanamento momentaneo e invece di collaborare per un recupero osteggino e non seguono le indicazioni.
R: Preciso che prima di procedere agli allontanamenti c'è un grande lavoro di indagine e di accertamento sulle reali situazioni disfunzionali della famiglia, si procede solo nei casi più gravi dove è realmente messa in pericolo la crescita e l'educazione dei minori. La capacità genitoriale è anche capire che in un dato momento la salute dei figli è preminente, chi non segue i percorsi di recupero e non ha consapevolezza dei propri doveri di genitore inevitabilmente vedrà allungarsi il tempo di rientro in famiglia.

D: La Procura quanta attenzione da alle famiglie affidatarie e alla serietà delle case-famiglia?
R: L'attenzione per la condizione dei minori in affidamento extra familiare è doverosamente massima.
L'art.9 della legge 184/1983 attribuisce al procuratore della Repubblica presso il tribunale per i minorenni il dovere di vigilare sui minori in affidamento extrafamiliare, con ispezioni semestrali nelle strutture comunitarie, con controllo della documentazione che le comunità devono trasmettere e relazione informativa al Presidente del Tribunale per i Minorenni. Può procedere a ispezioni straordinarie in ogni tempo. Questo controllo è per me una priorità, è un aspetto molto importante che curo e organizzo con molta precisione ed attenzione.


D: In questo momento particolare sono più alti i rischi per i minori?
R: Viviamo un momento in cui tutti siamo più fragili, oltre alla paura dell'esistenza del covid-19 c'è una situazione di reclusione domestica che ci rende tutti più fragili, la limitazione della libertà personale sommata alle difficoltà economiche rende tutti più deboli. La mia preoccupazione è per tutti, si corre il rischio che sommando tutti questi elementi a situazioni di genitori già fragili per altre motivazioni possano crearsi dei casi di pregiudizio per i minori. Dette situazioni devono essere segnalate ai Servizi, alle Forze di Polizia, anche direttamente alla Procura.

D: Alcuni parlamentari chiedono l'abolizione dell'artico 403 c.c. cosa ne pensa?
R: L'articolo 403 Codice civile prevede che la Pubblica Autorità collochi in un luogo sicuro (fino a quando non si possa provvedere in modo definitivo alla sua protezione) il minore il quale si trovi in una condizione di grave pericolo per la propria integrità fisica e psichica.
Seppure la norma, scritta prima dell'introduzione della Costituzione e che avrebbe bisogno di una riscrittura, non dica nulla circa i rapporti dell'Autorità che interviene sul minore, con i genitori e con l'Autorità Giudiziaria, occorre però dire che nella sua attuazione applicati i principi che derivano dai principi costituzionali, con garanzia dei diritti dei genitori e dello stesso minore. L'Autorità Amministrativa interviene a protezione del minore in una situazione d'urgenza, e immediatamente informa l'Autorità Giudiziaria. La Procura chiede pertanto l'intervento del Tribunale per i Minorenni che fissa l'udienza per sentire la parti e conferma il provvedimento solo in caso in cui valuti la sussistenza del pregiudizio. Si tratta quindi di provvedimenti che sono adottati previa instaurazione del contraddittorio, motivati e impugnabili.
Fatta questa precisazione, occorre segnalare la necessità di rafforzare i Servizi Sociali e i Servizi Socio Sanitari, garantendo tempestività nelle individuazioni delle situazioni di pregiudizio dei minori e dei rispettivi nuclei familiari, ed efficacia nei successivi interventi di aiuto. Rilevo infatti nel territorio di competenza del mio Ufficio, carenze di personale e assenza di una strutturata organizzazione per i minori, indubbiamente di pregiudizio per un efficace intervento pubblico a garanzia dei diritti della persona minore di età.


D: Procuratore l'ultima domanda, cosa pensa della alienazione parentale?
R: Un grave problema, il genitore che ostacola l'accesso dei figli all'altro genitore, non esercita bene la responsabilità genitoriale, arreca un danno al minore. I figli minori hanno bisogno di entrambe le figure genitoriali e la convinzione di uno dei genitori circa l'inadeguatezza dell'altro non lo legittima a conseguenti comportamenti di esclusione, ma comporta l'onere di richiedere al Giudice i conseguenti provvedimenti. Comporta anche la necessità di adoperarsi per ricercare gli aiuti necessari per superare la situazione di conflittualità, riservandola ai rapporti personali precedenti, per pensarsi come genitori di un figlio che ha bisogno di entrambi. In caso contrario si pongono problemi di adeguatezza della competenza genitoriale esercitata, di violazione del diritto del minore.

















Fonte: Mariangela Campus
Valutazione complessiva
5 stelle
1
4 stelle
0
3 stelle
0
2 stelle
0
1 stelle
0
Rita 05-05-2020
Insegnante
Grazie.
Utilissimo.
Mi piacerebbe sapere qualcosa di più sui Giudici onorari.
Quali le norme di riferimento che istituiscono questa figura, quali poteri ha, quanto dura la loro carica, quante volte possono essere riconfermati nella loro carica e quali sono i motivi ostativi la loro nomina.
Grazie ancora
Aurelia Passaseo 05-05-2020
Presidente Ciatdm (Coordinamento internazionale associazioni perla tutela dei diritti dei minori)Può
Può essere Giudice Onorario colui o colei che in virtù del proprio lavoro si distingue per capacità,conoscenza, in virtù del e nel campo del proprio lavoro si occupa della tutela e del superiore interesse del minore. Il Giudice Onorario è nominato dal Consiglio Superiore della Magistratura previa domanda dell'interessato/a che può essere uno psicologo/a, un'assistente sociale, un neuropsichiatra infantile o criminologo/a, un psicoterapeuta o chi abbia lavorato e lavori sempre in abito minorile e famiglia.
Maria 05-05-2020
Nonna
Grazie per l'articolo, sono una nonna e non vede mio nipote a causa della alienazione parentale. Mi ha fatto piacere leggere che il procuratore Cau sia sensibile a questo.
Pino Colella 05-05-2020
Genitore
La tutela dei diritti del minore finalizzata alla presenza dei genitori nella propria crescita post-separazione è ben evidenziata in questo articolo dal procuratore. Resta l'effettiva ed imparziale applicazione del diritto in ambito organizzativo da parte degli organismi preposti. In caso di conflitto genitoriale, la gestione dello stesso può in molti casi, essere inadeguata a causa di decisioni all'apparenza rispettosi, perché contestualizzati formalmente bene in ambito giuridico, ma, nei fatti, spesso superficiale. Gli atti andrebbero non soltanto letti con attenzione, ma anche previo discernimento effettivo sulle reali motivazioni che generano il conflitto. Il riferimento è per quei genitori che prima del conflitto avevano un bellissimo rapporto con i propri bambini e improvvisamente si ritrovano estromessi dalla loro vita semplicemente perché lamentano un cambiamento di atteggiamento degli stessi post-separazione. Chiaro che nasce un conflitto , laddove non c'è preparazione da parte degli organismi suddetti nel predisporre decisamente provvedimenti mirati alla concreta tutela del minore. la macchina giudiziaria sembrerebbe perfetta per come è scritta, ma assolutamente inadeguata nell'azione esecutiva.
L'articolo è molto esplicito e chiaramente preciso nella descrizione. I minori vanno sempre tutelati e con essi i genitori naturali ma, le complesse dinamiche che caratterizzano caso per caso le situazioni difficili, atte all'affermazione di questo principio base, snaturano a tratti irrimediabilmente questo principio basilare provocando sfiducia nella giustizia che spesso diventa malagiustizia. Occorre preparazione estrema, delicatezza infinita ed imparzialità assoluta. Il nostro sistema, spiace dirlo, allo stato, raramente assurge a capacità decisionale perfetta, come sembrerebbe apparire dalla legislazione vigente
Pino Colella 05-05-2020
Genitore
..a parte il mio pensiero riguardo il percorso giuridico complesso, l'articolo è ben strutturato e le spiegazioni della del procuratore Cau esaustive e complete
starstarstarstarstar
Federico 06-05-2020
Genitore
Sentire per parole del procuratore Cau, riguardo l'alienazione, animeranno quella speranza che vive nei cuori dei genitori che non possono vedere i propri figli a causa dell'alienazione stessa. Un fenomeno, un abuso capace di ferire profondamente l'animo di un figlio, precludendone una crescita serena basata, invece, sul vissuto di un rapporto doloroso. Ad oggi, diverse fazioni, continuano imperterrite nel negare l'esistenza di questo abuso, senza rendersi conto dell'ulteriore danno subito dalle vittime. La speranza che le istituzioni ne riconoscano apertamente l'esistenza, è forte. E le parole della dottoressa Cau, rappresentano un'altro piccolo passo avanti a sostegno.





banner bueno offerta menù pranzo
[zeroquaranta delivery ]
[banner menù business charme ]
[cortexandra delivery]
DIVENTA FAN DI CAGLIARI LIVE
Cagliari Live di Garau Salvatore . - Loc. Case Sparse San Sperate - Cagliari
Tel. 3477722578 -
Testata Giornalistica iscritta al Tribunale di Cagliari con n° 8/2019
Direttore Responsabile Graziella Marchi
P. Iva 03859880928
infocagliarilive@gmail.com - infocagliarilive@pec.it

invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy e Cookies
Privacy Policy
Cookie Policy
torna indietro leggi Informativa Privacy e Cookies  obbligatorio