02 Dicembre 2020
News
percorso: Home > News > CRONACA ITALIANA

"Fare il musicista non è un lavoro". La multa a Dimitri Reali dei Ponzio Pilates diventa virale e scatena gli animi.

30-04-2020 14:38 - CRONACA ITALIANA
" Sono Dimitri Reali, ho 31 anni e vivo a San Leo ( RN) e sono un musicista, batterista per la precisione. Da più di 15 anni cerco di vivere dignitosamente esercitando la mia professione, ultimamente con i PONZIO PILATES , band resa nota anche tramite il programma Italia's Got Talent in onda su Sky TV".

Tutto ciò accade durante il tragitto che Dimitri ha dovuto percorrere il 28 di marzo semplicemente per poter recuperare il suo strumento, la batteria, al fine di creare dei concerti live dal proprio appartamento sulla piattaforma Twitch, dato che tutti i contratti firmati per le date di questi mesi non si sarebbero potuti svolgere nei tempi stabiliti a causa dell'emergenza nazionale.

Nel suo racconto dell'accaduto fatto ad Angelia Ascatigno della Redazione di Cagliari Live Magazine, il musicista racconta:

" Sono uscito con la mia auto munito di tutte le protezioni imposte, guanti, mascherina ed autocertificazione e, nel viaggio di andata non è accaduto nulla.
Durante il rientro da Cesenatico sono stato fermato da una pattuglia dei carabinieri di Viserbo a Sant'Arcangelo di Romagna, e, dopo dieci minuti di attesa durante i quali gli agenti si consultavano, sono stato multato per una somma di 280 euro che, se non potrò' pagare in 30 gg diventeranno 530. Ora, la mia rabbia è stata fraintesa sui socials. Io non discuto sull'averla ricevuta, bensì sulla motivazione e sulle parole pronunciate dall'agente: < Questa non è una necessità, la musica è un hobby>."

Dimitri, come tanti altri " operatori" della Musica e dello Spettacolo, si sostenta col proprio lavoro che continua a non essere per opinione e mentalità popolare ritenuto tale.

Quando si chiede ad un artista, sia esso musicista, pittore, scrittore attore o quant'altro del proprio mestiere si intravede sempre una risatina sul viso dell'interlocutore al momento della risposta.

Suonare non viene ritenuto un lavoro dalla società, e chi lo svolge non viene tutelato dallo Stato come un qualsiasi altro professionista sarebbe.

dimitri ponzio pilates

" Tutti noi siamo sottopagati e la maggior parte delle volte costretti a lavorare in nero per poterci mantenere e pagare le tasse.
Un caldaista, lo dico solo come esempio, prende trenta euro all'ora, può avvalersi dell'aiuto di sindacati e lo stato tutela sia il suo lavoro sia la sua identità personale come essere umano. Per noi musicisti è un autofinanziamento continuo per poterci ammortare le spese di trasferte e strumentazione, gli studi, i video ed i canali di diffusione.
E pagare le tasse anche quando lavoriamo in nero. E' un gatto che si morde la coda.

Ex ENPALS, SIAE, Albo Nazionale Degli Artisti, noi versiamo quasi sempre i contributi comunque di tasca nostra. Sono pochissime le agenzie o le gestioni che regolarizzano fiscalmente il nostro operato .

E che si fa? Non suoni più in nero e rimani a digiuno oggi confidando nel domani o ti autogestisci cercando di raccapezzarti al meglio?"

Tenendo presente un piccolo fattore. Tutto ciò accade solo in Italia.
Nel resto d'Europa vigono leggi differenti.

" Dovremo continuare a suonare sulle piattaforme come Twitch in cui si può pagare una specie di biglietto virtuale ad offerta dato che abbiamo al dettaglio una stagione di concerti saltati, contratti che non si sa che fine faranno? Sul verbale compare la voce < assenza di comprovate esigenze lavorative>. Ma se non ci fossimo noi non esisterebbero realtà come le radio, la tv che danno da vivere a migliaia di persone. Mi vergogno di vivere in un paese ove il mestiere del musicista non venga riconosciuto."

"Sottolineo: Io non dibatto sulla multa, il mio messaggio è stato male interpretato dai socials e comprendo anche le parole dettemi dal Carabiniere. Ma per pagare quella multa devo lavorare. Come posso lavorare se la mia arte in questo stato non viene ritenuta tale?"

Poniamoci questa domanda. Che mondo sarebbe senza la Musica?



Fonte: Angelia Ascatigno





banner bueno offerta menù pranzo
[zeroquaranta delivery ]
[banner menù business charme ]
[]
DIVENTA FAN DI CAGLIARI LIVE
Cagliari Live di Garau Salvatore . - Loc. Case Sparse San Sperate - Cagliari
Tel. 3477722578 -
Testata Giornalistica iscritta al Tribunale di Cagliari con n° 8/2019
Direttore Responsabile Graziella Marchi
P. Iva 03859880928
infocagliarilive@gmail.com - infocagliarilive@pec.it

invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy e Cookies
Privacy Policy
Cookie Policy
torna indietro leggi Informativa Privacy e Cookies  obbligatorio