19 Settembre 2020
News
percorso: Home > News > CRONACA ITALIANA

Genitori proteggete i vostri bambini, il CISMAI è tornato.

31-03-2020 16:11 - CRONACA ITALIANA
Il Cismai coordinamento italiano dei servizi contro il maltrattamento e l'abuso all'infanzia, quello che ha fatto corsi ad assistenti sociali e psicologi in tutta Italia avvalendosi della collaborazione di Claudio Foti presidente di Hansel & Gretel ben noto per i fatti di Bibbiano.

Il Cismai, che non segue le direttive ufficiali stabilite dalla carta di Noto in tema di abusi ma si avvale di un proprio protocollo, ha ben pensato in questo momento di difficoltà di indirizzare una lettera al Governo per chiedere misure urgenti al Governo sulla condizione dei bambini “quelli più fragili” cosi li chiama.

Il CISMAI utilizza un suo protocollo interno ed obbliga i suoi associati ad utilizzare solo quello, partendo dal presupposto che i bambini non mentono, non possono essere manipolati e dicono sempre la verità. Come abbiamo visto il Claudio Foti utilizzava proprio la manipolazione per far emergere dei falsi ricordi di abuso sui bambini. Abbiamo una grande letteratura scientifica nazionale e internazionale sulla manipolazione e il falso ricordo, uno per tutti il Prof.Avv. Gulotta.

La preoccupazione del CISMAI, e di altre associazioni e case-famiglia che hanno sottoscritto la lettera, è della condizione di disagio, di povertà educativa e sociale in cui vivono i bambini.

Bambini che vivono in famiglie problematiche inadatte a intercettare i loro bisogni (non come gli indagati Anghinolfi e company).

La proposta è mettere in sicurezza chi ha bisogno offrendo sostegno psicologico e educativo, detto da chi ha sostenuto e continua a sostenere protocolli sull'abuso fuori dalla comunità scientifica è tutto un programma.
Abbiamo visto il sostegno psicologico e educativo che forniva Hansel& Gretel, che non dimentichiamolo ha esportato il suo modello nei servizi sociali di tutta Italia come si evidenzia dalle centinai di prove da loro stessi pubblicizzate di corsi, convegni etc.
Propongono quindi, tramite una petizione creata da Comunicando agevolando tra i firmatari della lettera assieme al CISMAI, Cnca, SOS Villaggi, la creazione di una Task force locale, si avete letto bene, che si occupi d'intervenire subito sulle segnalazioni di situazioni più fragili e a rischio, oltre che a monitoraggi quotidiani da parte di personale competente (chi sarebbe questo personale compete? Che ha capacità sovrannaturali per capire da una segnalazione che si tratta di una situazione di abuso?).
Il nostro personale sanitario è allo stremo dal duro lavoro che svolge in questo momento di grande difficoltà ma i suddetti chiedono l'intervento di personale sanitario per gli operatori coinvolti nelle case-famiglia, centri-antiviolenza etc. oltre al coinvolgimento delle forze dell'ordine in modo che comunichino tempestivamente casi di violenza famigliare.

Riscontro a chi? Perché non ho letto nulla riguardo all'eventuale intervento di giudici, magistrati che non sono stati coinvolti in questa task force ma anzi si chiede di proseguire con gli interventi urgenti se necessario tramite l'art.403 codice civile: Quando il minore è moralmente o materialmente abbandonato o è allevato in locali insalubri o pericolosi, oppure da persone per negligenza, immoralità, ignoranza o per altri motivi incapaci di provvedere alla educazione di lui, la pubblica autorità, a mezzo degli organi di protezione dell'infanzia, lo colloca in luogo sicuro, sino a quando si possa provvedere in modo definitivo alla sua protezione (1).
Il testo dell'art. 403 viene modificato a piacimento da moltissimi ass. Sociali, fate attenzione questo è il testo che usano: Quando il minore si trova in una condizione di grave pericolo per la propria integrità fisica e psichica la pubblica autorità, a mezzo degli organi di protezione dell'infanzia, lo colloca in luogo sicuro sino a quando si possa provvedere in modo definitivo alla sua protezione (art.403 c.c.).
Natura del provvedimento: non è un atto di giurisdizione, neanche volontaria; è un atto di amministrazione, sia per l'oggetto, essendo un atto di volontà, sia per la qualità dei soggetti da cui promana. Avendo una natura essenzialmente operativa e di protezione, non richiede l'esplicitazione dettagliata dei motivi; deve tuttavia essere indicata la presenza di una situazione attuale di sofferenza e pregiudizio del minore. È però necessario, quando si contrappone alla volontà dei genitori, che questi siano in ogni caso tempestivamente informati che il minore è sotto la protezione della pubblica autorità e che l'intervento è stato segnalato all'autorità giudiziaria minorile competente per la risoluzione del conflitto. Non è necessario che venga indicato il luogo in cui il minore si trova se ciò serve a proteggerlo.
Se questo dovesse essere preso in considerazione dal Governo italiano i genitori si vedrebbero prelevare in modo arbitrario i loro figli, senza neanche potersi rivolgere a giudici o avvocati a causa della quarantena.

Vi dico genitori non aprite a nessuno in un clima di tale isteria collettiva i bambini sono da proteggere più che mai…e non solo dal coronavirus.








Fonte: Mariangela Campus





DIVENTA FAN DI CAGLIARI LIVE

Segui tutte le nostre notizie mettendo Like alla nostra Pagina
Cagliari Live di Garau Salvatore . - Loc. Case Sparse San Sperate - Cagliari
Tel. 3477722578 -
Testata Giornalistica iscritta al Tribunale di Cagliari con n° 8/2019
Direttore Responsabile Graziella Marchi
P. Iva 03859880928
infocagliarilive@gmail.com - infocagliarilive@pec.it

Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy e Cookies
Privacy Policy
Cookie Policy
torna indietro leggi Informativa Privacy e Cookies  obbligatorio