19 Settembre 2020
News

Mont’e Prama è la più importante necropoli nuragica del xx secolo.

05-01-2020 19:23 - MusicArte & Cultura
I Giganti di Mont'e Prama sono sculture nuragiche che sono state trovate casualmente da un contadino, Sisinnio Poddi, in un campo nel marzo del 1974 in località Mont'e Prama nel Sinis di Cabras, nella Sardegna centro-occidentale. Sono stati ritrovati spezzati in numerosi frammenti.

Il nome Mont'e Prama (o monti‘e Prama), deriva dalle piccole palme che un tempo erano visibili alla base di un'omonima collina, a circa 2 Km dallo stagno di Cabras.

Si tratta della più importante scoperta archeologica nel Mediterraneo del XX secolo e che continua a riportare alla luce ritrovamenti e porre interrogativi. Dal primo ritrovamento il sito è oggetto di vari interventi di scavo e recupero. Nell'area sepolcrale, a seconda delle ipotesi, la datazione dei Kolossoi – nome con il quale li chiamava l'archeologo Giovanni Lilliu – oscilla dal IX secolo a.C. o addirittura al XIII secolo a.C., ipotesi che potrebbero farne fra le più antiche statue del bacino mediterraneo, in quanto antecedenti ai kouroi della Grecia antica, dopo le sculture egizie.

Tra 1975 e 1979 furono ritrovati 5178 frammenti di statue. Pezzi di teste, busti, braccia, gambe e scudi che sono stati pazientemente ricomposti nel Centro di restauro e conservazione di Li Punti (Sassari), ridando forma a 26 possenti sculture, alte circa due metri, le statue rappresentano giovani uomini abili e coraggiosi: alcuni ostentano la corazza finemente lavorata, lo scudo e la spada, oppure l'arco e la faretra con le frecce. I pugilatori sono a torso nudo e portano un gonnellino a punta, riconoscibili da un guanto armato indossato nel braccio destro e da uno scudo leggero tenuto sopra la testa.

Nel 2014 alla ripresa degli scavi sono stati rinvenuti altri frammenti di modellini di nuraghi e di altre due statue, più grandi e con un'iconografia diversa. Una delle due è l'unica che ha conservato la testa attaccata al collo. I 28 colossi di pietra, 16 statue di pugilatori, sei di arcieri e sei di guerrieri, sono le uniche statue di pietra che il mondo nuragico ci ha restituito, nonché le più antiche del Mediterraneo, risalenti a tremila anni fa.

I giganti rappresentano degli eroi, dei guerrieri, figure-simbolo del valore militare e religioso, e ci fanno pensare ad una dimensione sovrumana, hanno naso e sopracciglia marcati, grandi occhi formati da due cerchi concentrici, a esprimere potenza e magia.
Si ritiene che la necropoli fosse lo spazio funerario riservato a un gruppo familiare dominante nella società nuragica del Sinis, un'aristocrazia guerriera fiera del suo status e decisa a perpetuare nella pietra la sua grandezza.

Per poter ammirare i giganti bisogna recarsi al museo archeologico nazionale di Cagliari, Cittadella dei musei, dove sono custodite la gran parte delle statue e al museo civico Giovanni Marongiu di Cabras.
Tra le varie ipotesi si dice che siano opere scultoree, che gli antichi Sardi realizzarono al tempo dei nuraghi, usando utensili particolari: dai raschietti per levigare le superfici alle punte affilate per incidere linee sottilissime di dettaglio, quindi maestri nell'utilizzo certosino di attrezzature per ottenere cerchi perfetti.
Esistono ipotesi più fantasiose sulla realizzazione dei giganti, ad esempio che a realizzarle sia stata una civiltà avanzata forse aliena, gli archeologi hanno indagato a fondo sulla forma degli occhi e ancora oggi ci si interroga sulla loro forma perfetta.
Esiste su youtube un documentario molto interessante “Aliens – episode 8 / 2018 – Island of the Giants” (trasmesso su “History Channel “) che ipotizza tracce di extraterrestri nelle nostre rovine e non dimentichiamo il documentario di James Cameron in collaborazione con National Geographic “Search for Atlantis” (alla ricerca di Atlantide) che contiene numerose riprese della Sardegna.
Il mistero continua…




Fonte: Mariangela Campus




video
Search for Atlantis” (alla ricerca di Atlantide) che contiene numerose riprese della Sardegna.

DIVENTA FAN DI CAGLIARI LIVE

Segui tutte le nostre notizie mettendo Like alla nostra Pagina
Cagliari Live di Garau Salvatore . - Loc. Case Sparse San Sperate - Cagliari
Tel. 3477722578 -
Testata Giornalistica iscritta al Tribunale di Cagliari con n° 8/2019
Direttore Responsabile Graziella Marchi
P. Iva 03859880928
infocagliarilive@gmail.com - infocagliarilive@pec.it

Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy e Cookies
Privacy Policy
Cookie Policy
torna indietro leggi Informativa Privacy e Cookies  obbligatorio