29 Settembre 2021
person
area privata
visibility
News

Morto il neonato di 5 mesi che era stato strattonato dalla madre, donati gli organi

28-12-2019 12:48 - Dicembre 2019
Non ce l'ha fatta il neonato di soli 5 mesi che era stato strattonato dalla madre perchè non riusciva a farlo smettere di piangere.

La commissione medica, composta da un medico legale, un neurologo e un anestesista, ha decretato la morte cerebrale in seguito a un secondo approfondito esame, e questa mattina sono state staccate le macchine che tenevano in vita il bambino.

La Procura ha autorizzato l'espianto degli organi.

Il neonato era stato ricoverato d'urgenza in stato di coma dopo che la madre lo aveva scosso in maniera evidentemente troppo energica fino a fargli perdere i sensi.

Era stata la donna a confessare ai carabinieri e al pm Roberto Piccione di essere stata lei a scuotere violentemente il piccolo che all'alba di sabato scorso non riusciva ad addormentarsi.

Ora per la madre, inizialmente indagata per lesioni gravissime, dovrebbe essere formalizzata l'accusa di omicidio colposo.
Secondo il suo avvocato, Leonardo Massaro, la donna, 29enne originaria di Vicenza ma residente con la famiglia a Mestrino, non sarebbe stata in sé quando ha fatto del male a suo figlio.

Il bambino è stato seguito in questi giorni dai medici della terapia intensiva della clinica di Pediatria di Padova, guidata dal professor Giorgio Perilongo.


Fonte: Redazione Cagliari Live
Nickname




[offerte di lavoro a Cagliari]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy e Cookies
Privacy Policy
Cookie Policy
torna indietro leggi Informativa Privacy e Cookies  obbligatorio

close
Utilizziamo i cookies
Questo sito utilizza cookie propri al fine di migliorare il funzionamento e monitorare le prestazioni del sito web e/o cookie derivati da strumenti esterni che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le tue preferenze, come dettagliato nella Cookie Policy. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. Cliccando sul pulsante ACCONSENTO, acconsenti all'uso dei cookie. Ignorando questo banner e navigando il sito acconsenti all'uso dei cookie.
Cookie Policy - Privacy Policy
Accetta i cookies necessari