21 Settembre 2020
News
percorso: Home > News > CRONACA ITALIANA

Palermo. Modalità di sorveglianza sanitaria dei migranti. Dai test qualiquantitativi alla possibilità di usare gli immobili confiscati alla mafia.

25-07-2020 16:38 - CRONACA ITALIANA
Si è svolta in prefettura a Palermo una riunione sulle modalità di sorveglianza sanitaria da adottare nei confronti dei migranti che sbarcano sulle coste siciliane.

All'incontro hanno preso parte il capo dipartimento per le Libertà civili e l'Immigrazione del ministero dell'Interno, Michele di Bari, il direttore centrale dei Servizi civili per l'Immirazione e l'Asilo, Michela Lattarulo, i prefetti di Messina, Agrigento, Trapani, Caltanissetta ed Enna, l'assessore alla Salute della Regione Siciliana, Ruggero Razza.

Presenti anche i direttori delle aziende sanitarie provinciali di Agrigento e Ragusa, i vertici nazionali e regionali della Croce rossa italiana (Cri), i vertici dell'Ufficio di sanità marittima, aerea e di frontiera (Usmaf).

Il capo dipartimento Immigrazione e Libertà civili ha invitato a mettere a sistema le attività svolte per individuare luoghi e modalità di svolgimento della sorveglianza sanitaria.

Secondo quanto riportato sul sito del Viminale “ La regione intende effettuare al posto dei test sierologici sul Covid-19 dei test qualiquantitativi che assicurino in tempi rapidi - ha spiegato l'assessore regionale alla sanità Razza - un risultato maggiormente attendibile. La verifica della positività deve avvenire, tuttavia, a seguito dell’identificazione del migrante e l'attività di pianificazione è subordinata alla conoscenza dei flussi, anche numerici, dei migranti, rispetto ai quali sorge il problema della collocazione nel periodo di attesa, per quanto breve, del risultato del test”.

Nel sito viene anche menzionato quanto espresso dal prefetto di Bari :“ la Sicilia deve costituire territorio di transito e non di permanenza per i migranti. Il capo dipartimento ha anche assicurato che sono stati rafforzati i presidi di vigilanza, per evitare possibili fughe, ed ha prospettato la possibilità di utilizzare immobili confiscati alla mafia”.

Attualmente, ha precisato il rappresentante dell'Usmaf, sulle navi presso le quali i migranti effettuano il periodo di quarantena, vengono individuate delle cabine dove isolare gli eventuali positivi al Coronavirus. Al riguardo, il prefetto Di Bari ha sottolineato che, ai fini della sorveglianza sanitaria, è stata già sottoscritta una convenzione con la Cri.

Per quanto riguarda il personale sanitario a Lampedusa, sono in arrivo due medici e due infermieri che rimarranno sull'isola tutto il periodo dell’emergenza.

La Croce rossa, su impulso del capo dipartimento di Bari, si è poi impegnata a rafforzare i contingenti medici con personale proprio.

Il prefetto di Bari ha concluso ringraziando tutti i presenti per l'impegno e la disponibilità mostrate in questa difficile situazione, richiamando l'esigenza della collaborazione di tutte le autorità coinvolte nel sistema dell’accoglienza, per reperire posti disponibili sia presso i centri di accoglienza straordinaria (Cas) sia in luoghi idonei per distanza dai centri abitati, capienza, sorvegliabilità e caratteristiche strutturali.


Fonte: interno.gov.it



Fonte: Redazione Cagliari Live





DIVENTA FAN DI CAGLIARI LIVE
Segui tutte le nostre notizie mettendo Like alla nostra Pagina
Cagliari Live di Garau Salvatore . - Loc. Case Sparse San Sperate - Cagliari
Tel. 3477722578 -
Testata Giornalistica iscritta al Tribunale di Cagliari con n° 8/2019
Direttore Responsabile Graziella Marchi
P. Iva 03859880928
infocagliarilive@gmail.com - infocagliarilive@pec.it

Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy e Cookies
Privacy Policy
Cookie Policy
torna indietro leggi Informativa Privacy e Cookies  obbligatorio