06 Dicembre 2021
person
area privata
visibility
News

Quartu Sant’Elena. Anni di violenze e atti persecutori. Arrestato un pericoloso stalker

02-10-2020 16:44 - CRONACA REGIONALE
Erano le 18:00 di ieri quando i poliziotti del Commissariato di P.S. Quartu Sant’Elena hanno posto fine alle continue violenze e vessazioni realizzate dal pericoloso stalker originario della Provincia di Cagliari, il quale veniva sorpreso, e arrestato in flagranza di reato, mentre aggrediva una donna, la vittima degli atti persecutori, scagliandosi con violenza nei suoi confronti e colpendola con un corpo contundente.

Quello era solo l’ultimo di una innumerevole serie di atti prevaricatori attraverso cui l’uomo esercitava da diversi anni un pieno controllo della donna, attraverso continui pedinamenti, a casa, nei luoghi di lavoro o comunemente frequentati, ovvero attraverso telefonate e decine di migliaia di messaggi contenenti minacce, anche di morte, estese ai familiari e agli amici.

Tali condotte vessatorie erano scaturite in ragione di un folle sentimento nutrito dall’uomo nei confronti della donna, mai corrisposto; l’uomo era giunto a tatuarsi su un braccio il nome divulgandolo sull’immagine del proprio profilo Facebook.

Il comportamento dello stalker, sempre più pervasivo, aveva costretto la donna a modificare radicalmente le proprie abitudini di vita, cosicché la stessa si sentiva in pericolo anche all’interno della propria abitazione, che si trova, peraltro, in una zona isolata dell’hinterland.

Oltre alle minacce, la vittima aveva subito pregressi atti di violenza o pericolosi inseguimenti mentre si trovava alla guida della propria vettura. Altre volte la donna era stata bloccata vicino a casa sua e in una circostanza le aveva sbarrato la strada ponendo l’auto di traverso.

La donna, sebbene subisse da diversi anni tali tipi di angherie, aveva nascosto la vicenda ai propri familiari per proteggerli. Lo stalker, infatti, rivolgeva indirettamente minacce di morte anche nei loro confronti e il timore ingenerato nella donna era divenuto un vero e proprio terrore proprio quando l’uomo aveva cominciato a pedinare e minacciare di morte altri familiari.

La situazione era a tal punto degenerata che ormai la donna si era trovata costretta a modificare totalmente le proprie abitudini di vita, in un continuo e profondo stato d’animo di ansia ed angoscia, determinato da una condizione di grave assoggettamento.

Ieri, al culmine della sopportazione, quando ormai si sentiva perduta, la donna ha deciso di chiedere aiuto alla Polizia, presentandosi al Commissariato di Quartu Sant’Elena, dove rassicurata e messa a proprio agio dagli agenti, si è aperta finalmente a loro e ha fatto emergere il sommerso di violenze.

Proprio durante questi momenti di ascolto i poliziotti notavano la presenza della vettura, condotta dallo stalker, vicino a quella della donna. Era l’ennesima persecuzione che l’uomo poneva in essere.

Percepita la gravità dei fatti, intuendo che lo stalker potesse agire con violenza, considerato che la donna appariva gravemente provata, al termine della deposizione è stata accompagnata, dagli agenti del Commissariato, prima presso la propria abitazione e successivamente presso il luogo di lavoro, da dove si scostava recandosi presso un bar per consumare un pasto veloce.

Contestualmente gli operatori del Commissariato, monitorando attentamente gli spostamenti della donna, sono entrati nell’esercizio commerciale.

Lo stalker non si è fatto attendere e poco dopo sopraggiungeva all’interno del bar. Improvvisamente l’uomo si scagliava nei confronti della donna, cercando di aggredirla per l’ennesima volta con un oggetto metallico, a quel punto gli agenti, immediatamente, bloccavano finalmente l’uomo, totalmente fuori di sé.

Una volta proceduto all’arresto dell’uomo, anche alcuni amici e parenti della donna, sentiti dagli investigatori del Commissariato, hanno confermato la drammaticità dei fatti e il grave stato di prostrazione ed assoggettamento che la vittima viveva da anni.

Oltre a ciò, veniva sequestrato diverso materiale informatico che consentiva di acquisire decine di migliaia di messaggi attraverso cui l’uomo aveva assoggetto la sua vittima oltre a diverse foto e filmati.

L’uomo, su disposizione del Pubblico Ministero, dott.ssa Rossana Allieri, che ha coordinato l’attività di indagine, è stato accompagnato presso la Casa Circondariale di Uta.


Fonte: Redazione Cagliari Live
Nickname




[offerte di lavoro a Cagliari]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
icona chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy e Cookies
Privacy Policy
Cookie Policy
torna indietro leggi Informativa Privacy e Cookies  obbligatorio

cookie