22 Ottobre 2021
person
area privata
visibility
News

Sassari - Coronavirus, nessun caso accertato al Comando della Polizia locale

23-04-2020 18:46 - CRONACA REGIONALE
Importanti chiarimenti arrivano dal comando della Polizia Municipale di Sassari in merito notizia di un presunto caso di coronavirus tra gli agenti in servizio.
Nel comunicato si legge testualmente:

"A seguito del comunicato stampa diffuso dal sindacalista della Cisl Armando Ruzzetto, in merito a un “Caso positivo sierologico” (così si legge nella nota) nel Comando della Polizia locale di Sassari, l'Amministrazione comunale specifica che dall'agente in questione non è stato eseguito nessun tampone per la ricerca del virus nei giorni scorsi, ma lo stesso ha presentato un referto di un esame sierologico fatto da lui privatamente.

È il caso di ricordare che il test al quale l'uomo ha deciso volontariamente di sottoporsi attesta unicamente se un soggetto è entrato precedentemente in contatto con il virus, e non se il soggetto sia realmente portatore del virus e contagioso.

L'esame è stato eseguito ieri e il risultato gli è stato consegnato oggi all'attenzione del Comando.

Nel momento in cui stamattina ha presentato il referto all'attenzione del Comando, quest'ultimo gli ha chiesto di non rimanere in servizio, ma di andare immediatamente dal medico che avrebbe stabilito quali comportamenti adottare.

Contestualmente l'Amministrazione ha inviato la segnalazione al Dipartimento di Prevenzione, servizio di Igiene pubblica dell'Ats chiedendo che l'agente fosse immediatamente sottoposto a tampone per la ricerca del virus. Esame eseguito nel primo pomeriggio. Nel frattempo il medico gli ha prescritto quindici giorni di isolamento fiduciario.

In un momento così delicato per la collettività, colpisce che un sindacalista dia informazioni così approssimative e non corrette, scegliendo di diffondere una nota che crea tensione e inutile allarmismo.

Una nota dove lui stesso utilizza i verbi al condizionale, cosa che fa pensare che non abbia la certezza dei contenuti che sceglie tuttavia di pubblicare.

Non corrisponde a verità che «i vertici del Comune gli abbiano detto che poteva continuare a lavorare».

Si ribadisce che è invece vero il contrario: una volta visto il referto, all'agente è stato immediatamente detto di non restare al Comando ma di andare dal proprio medico curante.

L'Amministrazione comunale, appena venuta a conoscenza dallo stesso dipendente dell'esistenza di questi esami sierologici, ha richiesto subito – come detto – che l'agente fosse sottoposto a tutti gli accertamenti necessari per stabilire il suo stato di salute, chiedendo all'Ats che gli fosse eseguito un tampone, per tutelare la salute dello stesso e di tutti i colleghi.

Non è competenza del datore di lavoro, ma bensì di un medico, certificare o dire a un dipendente se sia nelle condizioni di salute per poter lavorare, cosa che un sindacato dovrebbe sapere".




Fonte: Redazione Cagliari Live
Nickname




[offerte di lavoro a Cagliari]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy e Cookies
Privacy Policy
Cookie Policy
torna indietro leggi Informativa Privacy e Cookies  obbligatorio

close
Utilizziamo i cookies
Questo sito utilizza cookie propri al fine di migliorare il funzionamento e monitorare le prestazioni del sito web e/o cookie derivati da strumenti esterni che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le tue preferenze, come dettagliato nella Cookie Policy. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. Cliccando sul pulsante ACCONSENTO, acconsenti all'uso dei cookie. Ignorando questo banner e navigando il sito acconsenti all'uso dei cookie.
Cookie Policy - Privacy Policy
Accetta i cookies necessari