26 Novembre 2020
News
percorso: Home > News > Cronaca estera

Zdenka Krejcikova cronaca dell'ennesimo femminicidio annunciato

16-02-2020 20:06 - Cronaca estera
Zdenka Krejcikova, 41 anni, è stata accoltellata dall'ex compagno Francesco Baingio Douglas Fadda, 45 anni, la sera del 15 febbraio 2020.

Dal 1 gennaio ad oggi Zdenka Krejcikova è la quattordicesima vittima di femminicidio.

Tutto ciò nonostante sia in vigore il cosiddetto “ codice rosso” antiviolenza.

L’uomo ha ucciso la propria compagna, madre di due figlie, nonostante su di lui, a causa di precedenti atti di violenza domestica, pesasse un provvedimento restrittivo che gli vietava di avvicinarsi alla donna.

Fadda era conosciuto col soprannome di Big Jim ed era già noto alle forze dell'ordine per precedenti penali legati alla truffa.

Nonostante il divieto, l’ha raggiunta nel suo paese, a Ossi, alle porte di Sassari, e durante un litigio all'interno di un bar, in presenza dei figli, le ha sferrato una coltellata, e prima che i carabinieri intervenissero, è scappato in compagnia della donna ferita e dei piccoli.

Si è diretto quindi a casa di un amico, e li ha lasciato la donna, ormai in gravissime condizioni.

Dopo ciò l’uomo si è dato alla fuga, portando con se le due bambine.

Nella casa dell’amico si trovava l’anziano padre dell’amico che pare non si sia reso conto di quanto stava accadendo.

Dopo oltre mezz'ora una seconda chiamata al 118 ha segnalato la loro presenza a Ossi, ma purtroppo l’intervento degli operatori sanitari non è riuscito a salvare la donna.

I carabinieri della zona hanno ricercato il latitante per tutta la notte, fin quando la sua vettura non è stata rintracciata in mattinata.

Il malintenzionato, accortosi delle volanti sulle sue tracce, ha protratto un pericoloso inseguimento in macchina durato diverse decine di minuti.
La fuga è infine terminata nel parcheggio di un centro commerciale di Sassari dove l'uomo ha tentato di allontanarsi a piedi, ma è stato bloccato e fermato dai militari.

Nel frattempo le ragazzine sono state messe in sicurezza.

In cosa consiste il divieto di avvicinamento?

Mediante il provvedimento che dispone il divieto di avvicinamento, il giudice prescrive all’imputato di non avvicinarsi a luoghi determinati abitualmente frequentati dalla persona offesa e di mantenere una certa distanza da tali luoghi o dalla persona offesa.

Sono ormai diventati troppi e tanti casi di stalking che spesso finiscono in omicidio.violentometro

Ammonimenti e ordini di avvicinamento non vengono quasi mai rispettati e cresce il senso di impunità dei colpevoli.

Possiamo ben capire lo stato d’ansia e di abbandono oltre al danno psicologico e morale in cui versano le vittime di questo fenomeno.

Da quando lo scorso 9 Agosto è entrato in vigore il codice rosso, ( legge 19 luglio 2019 )ci sono mediamente 30 allarmi al giorno.

Il Codice rosso è di fatto una sorta di bollino di precedenza, proprio come succede per le priorità al pronto soccorso: in tutte le indagini relative a casi violenza domestica o di genere (ovvero maltrattamenti contro familiari e conviventi; violenza sessuale, aggravata e di gruppo atti sessuali con minorenne, corruzione di minorenne; atti persecutori; lesioni personali aggravate da legami familiari) la polizia giudiziaria e il pubblico ministero dovranno attivarsi immediatamente, e la vittima dovrà essere ascoltata entro 3 giorni dalla denuncia, per limitare al massimo la possibilità che la violenza possa essere reiterata.

Al contrario, le donne avranno più tempo per denunciare una violenza subita: 12 mesi invece dei 6 previsti in genere dalla legge, un modo per consentire alle vittime di interiorizzare meglio l’accaduto.

Sul sito femminicidioitalia.info si può misurare il livello di violenza che una donna subisce attraverso il “ Violentometro”.

Si tratta di una griglia ordinata in maniera crescente che consente di "misurare" il grado di violenza di genere perpetrata su un individuo. Alle base ci sono gli insulti, a metà lo stalking e, al termine, la violenza fisica fino all'omicidio.
È uno strumento importante che porta alla comprensione e all'autoconsapevolezza. La lettura stimola la sensibilità anche di chi è vicino a persone che possono trovarsi in condizioni di pericolo. Occorre ricordare che spesso la violenza psicologica è l'anticamera della violenza fisica.

A questo proposito vi rimandiamo alla pagina https://femminicidioitalia.info/violentometro

L'ultimo femminicidio arriva nel giorno del flash mob 'One billion rising' organizzato a Roma.

"La violenza sulle donne, il femminicidio, è una delle grandi emergenze del nostro paese - ha detto il ministro dell'economia Roberto Gualtieri intervenendo alla manifestazione -. Non è solo un retaggio del passato arcaico, è anche questo, ma anche un elemento che riguarda la modernità e la difficoltà della cultura di noi uomini di capire, di accettare e di rispettare l'indipendenza, l'autonomia e la forza delle donne".
Il ministro ha concluso la sua partecipazione unendosi brevemente alle danze insieme alle donne le partecipanti alla manifestazione.

Insomma, le donne ancora vittime, nonostante anni di campagne e iniziative per rispondere alla piaga dei femminicidi.



Fonte: Redazione Cagliari Live





banner bueno offerta menù pranzo
[zeroquaranta delivery ]
[banner menù business charme ]
[cortexandra delivery]
DIVENTA FAN DI CAGLIARI LIVE
Cagliari Live di Garau Salvatore . - Loc. Case Sparse San Sperate - Cagliari
Tel. 3477722578 -
Testata Giornalistica iscritta al Tribunale di Cagliari con n° 8/2019
Direttore Responsabile Graziella Marchi
P. Iva 03859880928
infocagliarilive@gmail.com - infocagliarilive@pec.it

invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy e Cookies
Privacy Policy
Cookie Policy
torna indietro leggi Informativa Privacy e Cookies  obbligatorio