21 Aprile 2024
News

Autonomie. Cossa ( Riformatori ) "Insularità alla radice di gran parte dei problemi della Sardegna”

19-05-2023 15:50 - CONSIGLIO REGIONALE
“Fino a quando non sarà declinato il principio di insularità per noi non si potrà parlare di autonomia differenziata, perché alla radice di gran parte dei problemi della Sardegna c’è proprio la sua condizione insulare”.
Lo ha affermato il presidente della Commissione speciale per il principio di insularità, Michele Cossa (Riformatori sardi), intervenendo all’incontro con il ministro per gli Affari regionale e le autonomie, Roberto Calderoli.

“Lo Stato sta iniziando male, anzi malissimo con la prima applicazione del principio di insularità, ha continuato Cossa: nella prima bozza del disegno di legge sull’Autonomia differenziata non era neanche stato nominato, anche se poi inserito successivamente. Ma non solo, nella Legge di Bilancio – ha continuato - sono stati previsti soltanto 5 milioni di euro per rimuovere gli svantaggi dell’insularità per la Sardegna e la Sicilia, il Governo ha anche approvato il Rapporto sulla Politica di Coesione, relegando l’insularità a una nota, mentre nel Def non c’è alcuna traccia di misure per affrontare la questione. Quello che emerge è una totale indifferenza da parte del Governo verso il principio di insularità presente nella nostra Carta costituzionale”.

Cossa ha poi proseguito, ricordando che l’Istituto Bruno Leoni ha quantificato in 5.700 euro l’anno lo svantaggio economico, legato alla condizione insulare, per ogni cittadino sardo : “Non stiamo chiedendo interventi assistenzialistici, ma soltanto di avere le stesse opportunità dei cittadini italiani che vivono nelle regioni non insulari. Non è possibile che Francia spenda 248 euro procapite, la Spagna 180 per garantire la continuità territoriale da e per le loro regioni insulari e l’Italia non si faccia carico del problema, lasciando l’intero onere alla Regione, che riesce a spendere appena 25 euro pro capite”. Cossa ha chiesto al Ministro “l’istituzione di un tavolo politico bilaterale, Regione-Governo, per varare azioni immediate e concrete da portare avanti per l’attuazione del principio di insularità, a partire proprio dalla continuità territoriale, l’aspetto che i sardi soffrono maggiormente”.

Stefano Tunis (Misto), nel suo intervento, ha sottolineato l’importante disparità relativa alle tariffe energetiche: nonostante la Sardegna sia il più importante hub energetico del Paese, il cittadino sardo paga il kwh termico il doppio rispetto ai residenti di altre regioni. Tunis ha evidenziato, inoltre, che la particolarità della bassa densità di popolazione e della morfologia della Sardegna sarà da tenere in considerazione per la definizione dei Lep.

Anche Fausto Piga, capogruppo di FdI, ha ringraziato il ministro per l’attenzione dedicata alla Sardegna.
Le leggi non sono perfette e non accontentano tutti, ha detto Piga, ma se oggi la Sardegna non ha reti ferroviarie e continuità territoriale efficienti non è colpa dell’Autonomia differenziata che ancora non c’è. Per Piga il confronto è importante anche per capire cosa abbia funzionato e come debba essere modificato. Ed è da dalla continuità territoriale, secondo il consigliere di Fratelli d’Italia, che bisogna partire nel declinare le azioni necessarie per attuare il principio di insularità, perché il luogo di residenza non deve essere un disagio. Piga ha anche sottolineato che non si deve tenere in considerazione la spesa storica, ma le reali necessità della Regione a partire dalle infrastrutture. Credo che l’autonomia differenziata, se scritta bene, possa essere un’opportunità.
Il capogruppo di Forza Italia Angelo Cocciu ha apprezzato la grande concretezza con la quale il ministro Calderoli ha affrontato un tema complesso come la riforma dell’autonomia differenziata, nel cui ambito la Sardegna dovrà far valere con altrettanta concretezza il principio costituzionale dell’insularità.

Il presidente del gruppo Psd’Za Giovanni Satta ha sostenuto che la riforma riguarda soprattutto le Regioni a statuto ordinario, fatta eccezione per la definizione dei Lep mentre, per quanto concerne la Sardegna è necessario cambiare lo Statuto speciale per arrivare ad una autonomia compiuta. Che imposti su basi nuove il rapporto con lo Stato. In questa legislatura, ha ricordato Satta, quasi la metà delle leggi regionali sono state impugnate, comprese quelle in materia di Sanità i cui costi sono interamente a carico della Regione ed assorbono il 50% del bilancio regionale, nonostante questo non consentono di intervenire per fronteggiare le tante emergenze. Così come, ha aggiunto, la Regione, che pure possiede la più grande superficie boschiva d’Italia, non può né proteggerla dagli incendi come dovrebbe né programmarne lo sfruttamento a fini produttivi.

Per il gruppo della Lega il capogruppo Miche Ennas ha rilanciato il tema della modifica del regime europeo degli “aiuti di stato” già sollevato da Cossa, soffermandosi puoi sulle recenti leggi regionali sulla circoscrizione unica della Sardegna per il parlamento europeo e sul ritorno all’elezione diretta delle Province come enti di primo livello, per la quale la Sardegna si candida ad essere un primo “laboratorio” in campo nazionale.

Rispondendo agli spunti introdotti nel dibattito dai consiglieri regionali, il Ministro degli affari regionali ha auspicato che, nell’ambito della riforma, la Sardegna possa fare uno scatto in avanti. Sulla Sanità, ha ricordato che lo schema del disegno di legge sull’autonomi differenziata consente alla Regione, attraverso l’intesa, di scegliere il trasferimento totale o parziale delle funzioni, a seconda delle proprie esigenze.
Affrontando poi il tema delle risorse e dei Lep, Calderoli ha ricordato che l’autonomia differenziata prevede il superamento della cosiddetta “spesa storica” presente nel progetto predisposto dal governo Gentiloni: questo parametro, ha spiegato, viene sostituito dal fabbisogno standard collegato ad ogni materia, nel senso che prima si quantificano le necessità finanziarie e si forma uno standard comune a tutto il territorio nazionale e solo dopo si assegnano le risorse alla singola Regione, sempre attraverso lo strumento dell’intesa. Infine l’energia ed il regime degli aiuti di stato.
Sull’energia il Ministro ha precisato che rientra fra le 23 materie delle quali le Regioni possono chiedere in tutto o in parte il trasferimento e, per quanto riguarda gli aiuto di stato, ha riconosciuto l’urgenza di una correzione del sistema attuale, che non tiene conto delle situazioni reali presenti in molte aree e presenta evidenti disparità.

Al termine dell’incontro il presidente Pais ha consegnato al ministro una copia della legge approvata dal Consiglio regionale all’unanimità sull’istituzione della circoscrizione della Sardegna per le elezioni al parlamento europeo.


visibility
generic image refresh

Nickname


Cagliari Live si impegna a garantire sempre un' informazione pulita e indipendente, senza manipolazioni politiche o di interessi di parte. Cagliari Live non gode di sussidi statali o regionali, ma si mantiene grazie alle sponsorizzazioni pubblicitarie e grazie alle donazioni volontarie.Sostieni Cagliari Live con una libera donazione.

Richiedi Il tuo spazio pubblicitario

[banner pubblicità cagliari live ]

Mania Tv Produzioni video

Collagene di bellezza per pelle, capelli e unghie

Brodo d'ossa biologico da allevamento al pascolo


Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo E-mail per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

visibility
NON SONO REGISTRATO

crea account
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy e Cookies
Privacy Policy
Cookie Policy
Informativa privacy aggiornata il 21/01/2022 09:48
torna indietro leggi Informativa Privacy e Cookies
 obbligatorio
generic image refresh