25 Giugno 2021
person
area privata
visibility
News
percorso: Home > News > Sport

Il bilancio della stagione del Cagliari nella conferenza di Capozucca

26-05-2021 17:26 - Sport
Di Maria Laura Scifo

Al termine della stagione Stefano Capozucca ha voluto fare il punto della situazione in casa Cagliari. Dopo i ringraziamenti al presidente, all'allenatore e ai tifosi, si è parlato anche della programmazione della prossima stagione. Ecco le sue parole.

Vorrei dire un ringraziamento perché questa stagione si è conclusa bene. Salvarmi è stata un’emozione bellissima che mi ha ricordato la notte di Bari e l’ho provata nell’hotel a Milano dopo la gara di Crotone. Ci ho sempre creduto. Ringrazio il Presidente che mi ha dato questa possibilità di ritornare. Ringrazio tutti, anche quelle persone che chiedevano nei momenti bui “ma ci salviamo?” e io rispondevo “Sì che ci salviamo”. A tutti voglio ricordare una parola: il Cagliari merita maggiore rispetto. Lo merita il presidente, per quello che fa. Lo merita il popolo sardo, che è un popolo meraviglioso. Cagliari è qualcosa di diverso, anche chi non ama il calcio è orgoglioso di avere una squadra in Serie A. La Sardegna è l’unica isola ad avere una squadra in Serie A. Anche quando sento qualche politico fare qualche interpellanza e che poi viene al mare qua. Devono capire anche i giocatori, che loro combatteranno per un club diverso dagli altri. Tutti devono avere rispetto per la Sardegna.

Da cosa ripartirà il Cagliari? Sicuramente il Cagliari ha vissuto un’esperienza abbastanza dolorosa. Questo il presidente non lo vuole più e cercheremo di fare il possibile per evitare che si ripeta. Quest’anno il Cagliari ha investito molto, deve ridimensionarsi un po’. Non vuol dire che avremo una squadra poco competitiva. Qualche operazione dolorosa la dovremo fare. Ad esempio, il Cagliari non può permettersi un ingaggio oneroso come quello di Godin.

Priorità sul mercato? Le priorità in questo momento sono alcune uscite che dovremo definire. Se c’è una richiesta per Cragno, la valuteremo. In base a quelle che saranno le nostre esigenze Cragno potrà andar via. Ci saranno uscite ed entrate. Vorrei dare spazio ad un organico snello e giovane.

Il Cagliari può permettersi Nainggolan? Il tormentone di Radja ci sarà, non lo nascondo. Non ci pensano minimamente a venire incontro alle esigenze del Cagliari. Ma io penso che il Cagliari deve guardare in casa sua. Radja è un giocatore fondamentale, sono orgoglioso di avere alle mie dipendenze un giocatore come lui. Non nego che ho un rapporto importante con lui, ma non è un discorso semplice.

Si pescherà dalla primavera? Nei miei programmi, nelle idee che trasmetto a chi mi è vicino, Cossu, Conti quando si parla di primavera, la mia attenzione va a provare ad allestire una primavera ancora più competitiva. Il Cagliari deve avere la possibilità di schierare due-tre Carboni all’anno.

Nandez? L’idea che abbiamo è quella di cercare di trattenere i giocatori più importanti. Questo però lo determina il mercato. Se arriva una richiesta di un grande club è difficile dire di no. Nandez è nel futuro del Cagliari, se arriva un’offerta di primo livello poi si vedrà.

Ci sono mai stati dubbi su Semplici? Noi abbiamo finito il campionato ed eravamo un po’ stressati e stanchi. Ci siamo dati appuntamento a fine campionato con le nostre analisi. Ho sempre avuto un ottimo rapporto con lui. Ci siamo visti a Milano per dirci anche le cose che ci sono piaciute meno. Ci siamo confrontati e abbiamo collimato e accettato le critiche. Ne abbiamo preso atto e abbiamo deciso di continuare la strada che abbiamo intrapreso. E’ normale che in tempo di mercato ti vengono accostati allenatori, calciatori e altre cose.

Abbassare l'età media della rosa? Stiamo valutando tutto. Abbiamo uno scout che mi ha fornito relazioni importanti su alcuni giocatori. Con l’allenatore abbiamo parlato di un modulo diverso e dovremo cercare di adattarli a questo nuovo modulo.

Rugani? Rugani non rientra nei piani del Cagliari

Ci sarà un rinnovo per Ceppitelli? Sicuramente con Luca, ragazzo che stimo molto, è previsto un incontro a giorni. Glielo avevo promesso e devo ammettere la serietà di Luca. Mi rispose con molta franchezza: "caro direttore, possiamo salvarci poi ne parliamo". Molti dovrebbero imparare da Ceppitelli che ha grande rispetto per la maglia del Cagliari. Mi incontrerò anche con Deiola

Godin? Il Cagliari di domani certi tipi di ingaggi non se li può più permettere. Se esce, permette di prendere altri giocatori. Se non esce è un problema. Il Cagliari non può più supportare un tale ingaggio. E’ un discorso solo economico, non tecnico.

Sottil? Giocatore che è stato utilizzato poco per via di alcuni problemi fisici purtroppo. Adesso abbiamo il diritto di riscatto, valuteremo il da farsi con il presidente.

Nickname




[offerte di lavoro a Cagliari]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy e Cookies
Privacy Policy
Cookie Policy
torna indietro leggi Informativa Privacy e Cookies  obbligatorio