22 Aprile 2024
News

Nominato il primo Assessore alla Gentilezza in provincia di Cagliari: é Laura Melis di Villa San Pietro

09-12-2020 10:11 - Società e Costume
La Sindaca del Comune di Villa San Pietro CA Marina Madeddu ha recentemente riconosciuto la delega alla gentilezza all'Assessore Laura Melis, che diventa così il primo Assessore alla Gentilezza della provincia di Cagliari e seconda in Sardegna, dopo la riconferma alle ultime elezioni amministrative di Giulia Scanu Assessore alla Gentilezza di Abbasanta (Or).

Oggi gli Assessori alla Gentilezza, in altrettanti comuni, in tutta Italia, sono 103.

L'Assessore alla Gentilezza si occupa di buona educazione, del rispetto verso il prossimo e la cosa pubblica, del prendersi cura di chi soffre (es i malati, o le persone sole) o è in difficoltà (chi ha perso il lavoro, disabili, anziani, genitori separati con figli), ad accrescere lo spirito di Comunità, oltre che favorire l’unità, a coinvolgere i propri concittadini e le associazioni in iniziative di cittadinanza attiva per il bene comune;

gli Assessori alla gentilezza sono organizzati nella Rete Nazionale degli Assessori alla Gentilezza, coordinata dall'Associazione Cor et Amor (che ha ideato e sviluppato la delega dalla gentilezza nel maggio del 2019), uno spazio di condivisione, comunicazione e confronto per favorire le diffusione e la replicabilità delle buone pratiche di gentilezza a beneficio di un numero maggiore di cittadini.

Inoltre gli Assessori alla Gentilezza perseguono all'interno del progetto nazionale Costruiamo Gentilezza (www.costruiamogentilezza.org), in cui sono coinvolti anche gli Insegnanti per la Gentilezza (scuola) e gli Allenatori alla Gentilezza (sport), l'obiettivo di accrescere il benessere della comunità, costruendo pratiche di gentilezza mettendo al centro i bambini.

APPROFONDIMENTO

La nascita dell’Assessore alla Gentilezza
Ė trascorso poco più di un anno da quando il 25 Maggio 2019 l'Associazione Cor et Amor, scrivendo una mail ai giornali del Canavese (TO), subito dopo le elezioni amministrative, invitava i Sindaci del territorio a riconoscere la delega alla gentilezza.

Il primo Comune a riconoscerla fu Rivarolo C.se, il Sindaco Alberto Rostagno, nominò come primo Assessore alla Gentilezza Lara Schialvino, che ricorda:" Per me è stato un onore poter fare da apripista ad un ruolo che si sta radicando sempre più nelle amministrazioni italiane.

C’è stata molta curiosità all’inizio soprattutto perché non si riusciva a identificare bene la tipologia di ruolo non avendo una immediata applicazione pratica. Ma la bellezza e l’importanza dell’assessore alla gentilezza sta proprio in questo, la sua versatilità e il suo adattamento per poter essere chiave di collaborazione con qualsiasi assessorato e poter essere applicato in ogni ambito del quotidiano" .

Raggiunti i 100 Assessori alla Gentilezza
Oggi con la nomina di Redolfo Paola Assessore alla Gentilezza di Gressoney la Trinité sono 100 gli assessori alla gentilezza in tutta Italia che costruendo pratiche di gentilezza contribuiscono ad accrescere il benessere delle proprie comunità locali, mettendo al centro i bambini.

Un piccolo aneddoto riguarda le ultime elezioni amministrative che hanno coinvolto in Italia 8 Comuni (Abbasanta OR, Carisolo TN, Cimone TN, Due Carrare PD, Polla SA, Samone TO, Trani BT, San Giovanni a Piro SA,) in cui i Sindaci avevano nominato l’Assessore alla Gentilezza durante il loro precedente mandato, ebbene le amministrazioni che avevano riconosciuto la delega alla gentilezza sono state tutte confermate. A questo proposito il presidente di Cor et Amor Luca Nardi osserva: "Magari è stata una coincidenza, oppure una maggiore sensibilità dei cittadini verso la gentilezza intesa come opportunità di benessere per la propria comunità. "

Le buone pratiche di gentilezza a sostegno delle comunità locali
Tra le numerose buone pratiche di gentilezza proposte dagli Assessori alla Gentilezza: la “panchina della gentilezza” di colore viola, oggi sono diffuse in tutta Italia (ideata dall'Assessore alla Gentilezza di Quincinetto TO Erina Patti), il “biscotto gentilino” riproposto e contestualizzato in 3 comunità (sviluppato dall'Assessore alla Gentilezza di Carcare SV Enrica Bertone), “la pergamena del benvenuto” per accogliere i bambini nelle comunità (sviluppata dall'Assessore alla Gentilezza di Portici NA Maria Rosaria Liuzzi) riproposta in altre 5 Assessori.

Le Buone Pratiche di Gentilezza infatti vengono condivise nella Rete Nazionale Assessori alla Gentilezza (coordinata dall’Associazione Cor et Amor) per favorire un effetto moltiplicatore delle stesse a beneficio di più comunità.

Due nuovi ruoli sociali della gentilezza per il benessere delle comunità
Per dare più forza all'operato degli Assessori alla gentilezza a contribuire ad educare e proteggere con la gentilezza i bambini, l'Associazione Cor et Amor ha creato successivamente due nuovi ruoli sociali della gentilezza: gli Insegnanti per la Gentilezza (attivi nelle scuole dal mese di Gennaio - proprio gli Insegnanti per la Gentilezza insieme ai bambini stanno richiedendo in molti Comuni Italiani, ai propri sindaci, il riconoscimento dell'Assessore alla Gentilezza, gli ultimi casi sono avvenuti in ordine di tempo nei Comuni di Conversano Ba e Locorotondo Ba) e gli Allenatori alla Gentilezza (operanti nello sport dal mese di Ottobre 2020).

Questi 3 ruoli, insieme a molti cittadini, stanno partecipando al progetto Costruiamo Gentilezza (www.costruiamogentilezza.org, che fornisce anche gli strumenti per costruire gentilezza), consapevoli che con la capacità degli adulti di fare squadra e con l'impegno costante nel perseguire responsabilmente l'obiettivo comune di proteggere ed educare i bambini alla gentilezza, si potrà ambire ad una società solidale ed attenta al benessere di tutti.

L' INTERVISTA

Intervista conoscitiva Assessore alla Gentilezza di Villa San Pietro Laura Melis:

Come costruisci la gentilezza nella tua comunità locale?

La gentilezza è grande dono che ognuno di noi deve prendersi la responsabilità di regalarsi.
Non nasce come scambio, questo è il risultato ma non il fine. Creare spunti di riflessione, circostanze che diano occasione del benessere interiore che comporta una umile forma di gentilezza anche di fronte a prove “meno gentili” ,anche senza ricambio, può aiutare a far crescere i germogli di gentilezza che tutti abbiamo nel cuore, con radici che crescono, diventando uno stile di vita. E ancora sponsorizzare campagne a favore di qualcosa e mai campagne contro. “Non prenderò mai parte ad una manifestazione contro la guerra, ma se ne organizzate una a favore della pace, invitatemi. Invece di essere contro la guerra, siate a favore della pace.” Madre Teresa di Calcutta

Da piccolo chi è stato il tuo esempio di gentilezza?
I miei esempi di gentilezza profonda sono mia madre ed è stata mia zia Gianna… maestre di gentilezza senza aspettativa

Una parola gentile che usi sovente con i tuoi concittadini?
Una risposta che uso spesso di cuore è “è un piacere”

Come può la gentilezza rendere più unita la comunità mettendo al centro i bambini?
L’educazione dei bambini è sicuramente importante, ma la gentilezza è qualcosa di più profondo. Mostrare al bambino cosa c è dietro a un atteggiamento non gentile dovuto sempre a una sofferenza, una mancanza, ci aiuta a guardare L altro con tenerezza, e ci aiuta a non perdere quella gentilezza che,se superficiale,di sola educazione e non di cuore, diventa solo un ripagare reciproco, un saldo di conti, dipendente dal comportamento dell’ altro, senza una crescita ne arricchimento per nessuno. Conservare la gentilezza pura di fronte all’ingentilezza.

Quando un cittadino si comporta con maleducazione verso la comunità, come lo correggeresti con la gentilezza?
Per questa domanda mi viene in mente un meraviglioso Aneddoto:
Un uomo nota un serpente che sta morendo bruciato e decide di toglierlo dal fuoco.
Appena lo fa il serpente lo morde.
Per la reazione del dolore, l’uomo lo libera e l’animale cade di nuovo nel fuoco.
L’ uomo cerca di tirarlo fuori di nuovo e di nuovo il serpente lo morde.
Qualcuno che stava osservando si avvicinò all’uomo e disse:
– Mi scusi, ma lei è testardo! Non capisce che tutte le volte che prova a tirarlo fuori dal fuoco va a finire così?
L’ uomo rispose:
– La natura del serpente è mordere, e questo non cambierà la mia, che è aiutare.
Quindi, con l’aiuto di un pezzo di ferro, l’uomo tira fuori il serpente dal fuoco salvandogli la vita.


Angelia Ascatigno




visibility
generic image refresh

Nickname


Cagliari Live si impegna a garantire sempre un' informazione pulita e indipendente, senza manipolazioni politiche o di interessi di parte. Cagliari Live non gode di sussidi statali o regionali, ma si mantiene grazie alle sponsorizzazioni pubblicitarie e grazie alle donazioni volontarie.Sostieni Cagliari Live con una libera donazione.

Richiedi Il tuo spazio pubblicitario

[banner pubblicità cagliari live ]

Mania Tv Produzioni video

Collagene di bellezza per pelle, capelli e unghie

Brodo d'ossa biologico da allevamento al pascolo


Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo E-mail per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

visibility
NON SONO REGISTRATO

crea account
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy e Cookies
Privacy Policy
Cookie Policy
Informativa privacy aggiornata il 21/01/2022 09:48
torna indietro leggi Informativa Privacy e Cookies
 obbligatorio
generic image refresh